Reggiana eliminata a Venezia dalla Coppa Italia di Lega Pro.
Fatale ai granata la lotteria dei rigori.

di Carlo Codazzi – La Reggiana è uscita dalla Coppa Italia di Lega Pro superata al “Penzo” dal Venezia ai calci di rigore (5-3) dopo che alla fine dei supplementari il risultato era sull’1-1 per le reti di Stulac e Maltese (su rigore) segnate nel corso del 1° overtime. Nella roulette dei rigori fatali gli errori di Mecca e Maltese.

Bella prova dei granata con ben 3 ragazzi del’99 schierati da Colucci nei supplementari. Da segnalare la prestazione del “Mago” Cesarini che ha giostrato bene tra le linee creando grattacapi alla difesa veneziana. Dopo la lunga sosta ai box per infortunio, Cesarini ha tenuto benissimo il campo uscendo soltanto al 103’. Il Venezia ha utilizzato più titolari rispetto a Colucci (il mister granata ha lasciato a casa ben 14 giocatori), ma la Reggiana ha retto bene mostrando la personalità mancata in alcune trasferte di campionato. Ai quarti, comunque, è passato il Venezia che affronterà il Como.

La gara

Colucci ha schierato i suoi col 4-3-1-2 con Cesarini alle spalle del duo d’attacco Lafuente-Falcone. Dei titolari in campo Giron, Rozzio e Maltese. Tra i pali Narduzzo. Sull’altro fronte Inzaghi nel suo 4-3-3 ha piazzato Marsura a sinistra del trio d’attacco con Tortori al centro e Acquadro sulla destra. Il primo tempo ha avuto un andamento lento. La mossa di Inzaghi che ha messo Marsura sulla fascia mancina ha creato problemi alla retroguardia granata così, dopo 20’, Colucci ha cambiato disposizione in difesa spostando Rozzio a destra  con Panizzi a fare il centrale. Al 37’ l’unica palla gol del 1° parziale: Marsura ha servito Edera che ha calciato in diagonale con Narduzzo bravissimo a deviare in tuffo a centro area dove Fabris ha fallito il bersaglio in tap in. Gioco spezzettato con i granata bravi a ripartire veloci sul binario di sinistra con Giron a proporsi e scambiare spesso con Cesarini e Lafuente.

Avvio del secondo tempo con il pressing alto degli uomini di Inzaghi e la Reggiana in apnea per i primi 10’. Al 50’ gran sinistro di Acquadro deviato da Rozzio sul palo con Narduzzo battuto. Trascorsi i 15’ iniziali il Venezia ha rallentato e la Reggiana è cresciuta facendosi pericolosa al 71’ con una bordata di Lombardo, su punizione, respinta da Vicario. Poi, un break in contropiede di Cesarini che ha servito Lombardo il cui diagonale è stato deviato in angolo da Cernuto. Sventola di Maltese controllata con difficoltà da Vicario al 79’. Sul finire Venezia (con Ferrari dal 68’ al centro dell’attacco per Tortorini per avere più peso in avanti) pericoloso con un tiro al volo di Soligo finito alto.

Nei supplementari Inzaghi ha tolto Edera  per Moreo con il passaggio al 4-3-1-2. Moreo agiva alle spalle di Marsura e Ferrari. Al 10’del 1° overtime il gol del Venezia: botta di destro da 20 metri di Stulac che ha beffato Narduzzo (maldestro nella circostanza) mandando la palla nel sacco. Colucci ha dato spazio a Rizzi, Mecca e Mastropietro togliendo l’ottimo Cesarini al 103’. Un lancio di Sabotic (114’) ha imbeccato Bonetto bravissimo a penetrare in area e a costringere Soligo ad atterrarlo. Rigore che Maltese ha realizzato spiazzando Vicario. Dopo una punizione di Marsura bloccata da Narduzzo si è andati alla lotteria dei rigori. Dal dischetto hanno sbagliato Mecca (parato) e Maltese (traversa), mentre il Venezia ha segnato i 4 rigori calciati (il quinto era inutile). L’ultimo penalty l’ha infilato Stulac.

Tabellino

Venezia-Reggiana  5-3 d.c.r. (tempi regolamentari 1-1, 0-0 al 90’)

Marcatori: 100’ Stulac (V), 115’ Maltese (R) su rigore.

Rigori (sequenza): Lafuente (R) gol, Ferrari (V) gol, Mecca (R) parato, Moreo (V) gol, Giron (R) gol, Marsura (V) gol, Maltese (R) traversa, Stulac (V) gol.

Venezia (4-3-3): Vicario; Baldanzeddu, Malomo, Cernuto, Pellicanò; Stulac, Edera (97’ Moreo), Fabris; Marsura,Tortori (68’ Ferrari), Acquadro (76’ Soligo). A disp.: Facchin, Sambo, Luciani, Modolo, Sterchie, Garofalo, Santinon, Serena. All. Inzaghi.

Reggiana (4-3-1-2): Narduzzo; Giron, Rozzio, Sabotic, Panizzi; Maltese, Bonetto, Lombardo (101’ Mecca); Cesarini (103’ Rizzi); Lafuente, Falcone (110’ Mastropietro). A disp.: Demalija, Masini, Zito, Rocco. All. Colucci.

Arbitro: Maggioni di Lecco.

Cambi di modulo: Venezia 4-3-1-2 dal 97’.

Note: ammoniti Rozzio (R), Maltese (R) Narduzzo (R), Giron (R), Marsura (V), Soligo (V). Angoli 5-3 per il Venezia. Recupero p.t. 0 – s.t. 2’- pts 1′ –  sts 1’.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *