L’affaire del testamento Agazzani Lusetti respinge le accuse: “Quelle sono le vere volontà di Alberto, che se la ride da lassù”

17/2/2016 – “Il documento depositato tramite notaio a dicembre 2015 esprime in modo assolutamente veritiero le volontà testamentarie di Alberto Agazzani. Avendo agito nella totale trasparenza e in buona fede, ne uscirò a testa alta e senza ombre“. Marco Lusetti replica così alle notizie trapelate della Procura su un’inchiesta a suo carico per il testamento Alberto Agazzani, il noto critico d’arte e polemista che si è tolto la vita il 16 novembre dopo quattro mesi di cure a causa del  gravissimo incidente stradale di cui era rimasto vittima in luglio.

Marco Lusetti

Marco Lusetti

Marco Lusetti il 23 dicembre ha depositato presso il notaio Giorgia Manzini il testamento olografo (scritto a mano, ndr. ) con cui Agazzani lo aveva nominato su erede universale. A seguito di un esposto il sostituto Maria Rita Pantani ha disposto una perizia grafologia sul testamento, quindi ha iscritto Lusetti nel registro degli indagati per l’ipotesi di reato di falso in testamento olografo. Ieri la casa di Lusetti (già vicesindaco di Guastalla, già esponente della Lega Nord, oggi consulente per progetti europei e pittore) è stata perquisita col sequestro di alcuni quadri della collezione lasciata dal critico d’arte.

Oggi pomeriggio Marco Lusetti ha affidato una replica alla sua pagina Facebook, dove respinge l’accusa formulata nei suoi confronti.

“Dopo avere letto la rassegna stampa odierna mi sento in dovere di intervenire per fare chiarezza sulla vicenda Testamento Alberto Agazzani – scrive – Due premesse sono doverose:

1)  Il documento depositato e pubblicato tramite Notaio a Dicembre 2015, esprime in modo assolutamente veritiero le volontà testamentarie di Alberto Agazzani;

2) Alberto da lassù sta ridendo di questa situazione e “maledicendo” tutti coloro che con il loro agire, mettono in dubbio le sue reali volontà.

Sul prosieguo dell’ inchiesta non ho alcun timore, in quanto sia io, che tutti i suoi veri amici, sappiamo quello che Alberto Agazzani avrebbe voluto dopo la sua scomparsa, dato che lo ha sempre detto in modo esplicito e trasparente”.

Alberto Agazzani

Alberto Agazzani

Conclude Lusetti: “Già una volta mi hanno descritto tra l’ opinione pubblica, come il “mostro” di turno; dopo quella esperienza conclusasi totalmente a mio favore, accertando la mia completa onestà, nulla può più stupirmi, ed ora come allora, avendo agito nella totale trasparenza e buona fede, ne uscirò a testa alta e senza ombre”.

Il testo per la verità non afferma esplicitamente che il testamento è autentico, ma forse per Lusetti  è un dato talmente scontato che non va neanche ribadito. Traspare comunque  la sicurezza di chi è certo della propria onestà e buona fede.

A questo punto si possono solo azzardare delle ipotesi: ad esempio che le difformità nella scrittura rilevate dalla perizia grafologica siano conseguenza dell’incidente, oppure che esista un altro testamento scritto da Agazzani prima ancora del sinistro di luglio. Oppure che il testamento pubblicato sia stato scritto sotto dettatura a causa delle condizioni di salute del critico: nel qual caso, per esprimendo le volontà reali del de cuius ,  per legge sarebbe nullo. Solo il procedimento potrà chiarire cosa sia in effetti avvenuto, e comunque l’ultima parola sarà espressa da un perito super partes nominato dal giudice.

Be Sociable, Share!

2 risposte a L’affaire del testamento Agazzani Lusetti respinge le accuse: “Quelle sono le vere volontà di Alberto, che se la ride da lassù”

  1. Super Partes Rispondi

    18/02/2016 alle 10:07

    I segni grafici individuati dai grafologi (inoltre la grafologia non è una scienza esatta) sono facilmente
    riproducibili dai disgustosi falsari in circolazione.
    Chissà quante truffe ai danni di qualsiasi cittadino onesto possono organizzare questi maiali intonsi.

    Ciao Alberto
    🙂

    • Esatto. Inoltre... Rispondi

      18/02/2016 alle 10:33

      Oggi ci sono tutti i mezzi tecnologici a cui tutti noi possiamo accedere facilmente per filmare qualsiasi e dico qualsiasi tipologia di documento redatto.
      Con o senza testimoni.
      Basta un telefonino qualsiasi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *