Archivi

Unahotels, è notte buia e tempestosa
A Pesaro Sanglin non basta,
un piede nel baratro retrocessione

DI PAOLO COMASTRI

Paolo Comastri

6/2/2023 – La Pallacanestro Reggiana perde, male, a Pesaro una delicatissima partita, fondamentale in chiave salvezza…..

Un 85-74 a favore dei marchigiani che ora avvicina sempre di più i biancorossi al baratro della retrocessione.

Squadra a dir poco, e ancora una volta, altalenante con troppe palle perse e una percentuale da tre al 19%; davvero imbarazzante.

Una sconfitta da… fegato amaro perchè ancora una volta la poca voglia di sbucciarsi le ginocchia dei giocatori reggiani è stata la causa determinante di questa, ennesima, pesantissima legnata che relega la Pallacanestro Reggiana nell’ultimo gradino della classifica, per giunta, e di nuovo, a 4 punti dal terz’ ultimo posto; un divario, quasi, incolmabile.

Insomma tutti dietro la lavagna ad iniziare da coach Dragan Sakota, peraltro, e spesso, decisamente spazientito per i tanti, troppi, errori commessi dai suoi giocatori; ma con una squadra senza attributi puoi essere anche il più vincente e blasonato allenatore della NBA che non cavi un ragno dal buco.

Dragan Sakota

Il solo Jeremy Sanglin, 19 punti, dopo i primi 20 minuti davvero da dimenticare, nella ripresa cambia pelle e segna tutti i suoi punti, facendo impazzire i difensori pesaresi.

Peccato sia troppo solo per il tentativo di rimonta e soprattutto, regola aurea del basket, con le giocate dei singoli non ci si salva.

La Carpegna Pesaro prende subito il largo ma, vuoi perché i padroni di casa si rilassano, vuoi per un moto di orgoglio dei reggiani, la gara ritorna sui binari dell’equilibrio verso la fine del secondo quarto.

La ripresa si apre con una nuova spinta marchigiana, soprattutto con Abdur-Rahkman il quale trova però un degno rivale in Sanglin, improvvisamente erettosi a protagonista.

Grazie a lui si passa dal -9 al -2, ma non trovando sponda nei suoi compagni, la spinta ospite si esaurisce e, un po’ alla volta, Pesaro torna a prendere il largo fino all’ 85 – 74 finale.

Domenica, intanto, arriva la Virtus Bologna …

reggio unahotels

IL TABELLINO

CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO – UNAHOTELS REGGIO EMILIA 85-74

CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO: Kravic 8, Abdur-Rahkman 17, Visconti 8, Moretti 9, Tambone 7, Gudmundsson 4, Chraralampopoulos 8, Totè 9, Chetam 10, Delfino 5. Allenatore: Repesa.

UNAHOTELS REGGIO EMILIA: Anim 2, Reuvers 8, Hopkins 8, Cipolla ne, Strautins, Vitali 2, Stefanini ne, Cinciarini 13, Burjanadze 5, Senglin 19, Olisevicius 10, Diouf 8. Allenatore: Sakota.

Arbitri: Sahin, Galasso, Pepponi.

Parziali: 24-15; 15-21; 18-19

Note: fallo tecnico a Burjanadze al 33′.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *