“Cibo sintetico? No, grazie”. Lega chiede a Regione di attivarsi a tutela delle filiere agro-zootecniche emiliane

Reggio Emilia, 14/11/2022 – “La Regione si attivi a tutti i livelli istituzionali per difendere le filiere agro-zootecniche emiliano-romagnole contro la minaccia rappresentata dalla diffusione del cibo “sintetico”. Lo chiedono alla Giunta regionale con una risoluzione i consiglieri regionali della Lega Gabriele Delmonte e Maura Catellani, che ribadiscono “la necessità di avviare iniziative di sensibilizzazione finalizzate a evidenziare i rischi della diffusione del cibo sostenute dal mondo agricolo, accademico e scientifico finalizzate a richiamare l’attenzione sui rischi della diffusione del cibo da laboratorio”.

Una necessità evidenziata e sostenuta da diverse motivazioni: “Il cibo sintetico favorisce gli interessi di pochi operatori, monopolizzando l’offerta di cibo nel mondo; spezza lo straordinario legame che unisce cibo e natura e nemmeno ha un risvolto positivo in tema salutare in quanto ancora non vi è garanzia che i prodotti chimici usati siano sicuri per il consumo alimentare e l’esperienza maturata è ancora troppo breve per fornire dati certi e robusti. Inoltre, esso non aiuta nemmeno a perseguire gli obiettivi di giustizia sociale che guidano l’Europa, in quanto prodotto su brevetti e tecnologie con alti costi di ingresso e sviluppo, nelle mani di pochi grandi investitori multinazionali. Può avere quindi impatti socio-economici molto pericolosi, in quanto figlio di una fascinazione ecologica che non ha finora consentito riflessioni ben più approfondite” spiegano Delmonte e Catellani.

D’altro canto “il settore zootecnico è un asset fondamentale del settore agroalimentare emiliano romagnolo: si consideri infatti che l’Emilia-Romagna rappresenta la quota più importante di prodotti Dop e Igp (44) a livello nazionale e la produzione agroalimentare dell’Emilia-Romagna vanta un fatturato di quasi 5 miliardi di euro, capace di coprire il 16% dell’export totale di settore italiano” aggiungono i consiglieri.

Da qui l’atto di indirizzo leghista, che chiede alla Giunta di “di difendere, in sede di Conferenza Stato-Regioni e nei rapporti con il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, le filiere agro-zootecniche emiliano romagnole minacciate dalla diffusione del cibo sintetico” e di “trasmettere copia della presente risoluzione al Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.