Archivi

Sicurezza alimentare: i Nas sequestrano quattro quintali di salumi e formaggi

25/10/2022 – I carabinieri del Nas di Parma, nell’ambito dei recenti controlli sulla sicurezza alimentare svolti a Reggio Emilia e provincia, hanno riscontrato irregolarità igienico sanitarie che hanno comportato sanzioni amministrative per un importo complessivo di 5 mila euro nei confronti di due attività. Quattro diffide nei confronti di altrettanti esercisi, sequestrati 385 chilogrammi di prodotti alimentari.
Il maxi sequestro è avvenuto in un supermercato della città: quasi 4 quintali di tranci di salumi e formaggi per un valore di 5mila euro privi di indicazioni sulla traqcciabilità (lotto, data di scadenza, data di porzionatura, origine e provenienza). Al legale rappresentante dell’attività è stata comminata
una sanzione amministrativa di 2 mila euro.

Sempre a Reggio, in un ristorante self service i militari del Nas hanno rilevato carenze igienico sanitarie
nei locali di consumazione dei pasti a causa di mosche, ragnatele e polvere
diffusa sulle superfici. Senza contare gli escrementi di roditori trovati neldeposito delle bevande. Sanzione di 3 mila euro al legale rappresentante dell’azienda.

Diffide, sempre città, nei confronti del titolare di una rivendita di vini per ragnatele, soffitto scrostato, confezioni di bevande a diretto contatto col pavimento; e verso iltitolare di un ristorante per carenze igienico sanitarie riscontrate nella cucina, “dovute alla presenza di mosche, a congelatori invasi da eccessiva formazione di ghiaccio, a ragnatele sulle pareti e alla presenza di materiale vario non attinente all’attività”. Entrambi hanno tempo trenta giorni per risolve i problemi.

I CONTROLLI IN PROVINCIA

  • In un bar sono state accertate carenze igienico sanitarie all’interno del magazzino, dovute a formazioni di ragnatele sulle pareti, polvere e sporco vetusto sulle superfici. È stata rilevata anche la mancata esposizione alla clientela del cartello indicante la presenza di eventuali allergeni presenti nelle pietanze.

Presso un ristorante sono state accertate carenze igienico sanitarie all’interno della cucina,
dovute alla presenza di mosche, a congelatori invasi da eccessiva formazione di ghiaccio, a
ragnatele sulle pareti e alla presenza di materiale vario non attinente all’attività.

Entrambi i titolari hanno ricevuto la diffida a risolvere entro 30 giorni le irregolarità accertate dai carabinieri.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *