Banda del tonno Rio Mare: identificato il quinto rumeno

5/1/2021 – E il caso di dire: il tonno più rubato in Italia. Sale a cinque il numero delle persone denunciate dai carabinieri di San Polo d’Enza nelle indagini sulla banda che razziava esclusivamente scatolette di tonno nei supermercati reggiani. Oltre a due uomini di 27 e 25 anni e una donna di 46, tutti rumeni del milanese e una connazionale di 23 anni residente a Parma, già denunciati in ottobre per furto aggravato in concorso,  le indagini successive hanno permesso di identificare un quinto componente della banda: ha 21 anni, e anche lui è un rumeno di Milano.

I filmati delle telecamere dei supermercati della Val d’Enza hanno documentato che i ladri erano interessati a un solo prodotto: scatole di tonno esclusivamente Rio Mare razziati con un modus operandi standard: 384 scatolette rubate al supermercato ECU di San Polo d’Enza, 240 dal SIGMA dello stesso paese, 180 dall’ECU di Montecchio Emilia e 280 dl SIGMA di Bibbiano. Oltre 1000 confezioni sottratte grazie al nascondiglio ricavato nella carrozzina del neonato che uno dei ladri spingeva durante la “spesa” . .  Le riprese video mostrano come l’azione predatoria prevededesse per ciascuno di loro compiti precisi: i pali che controllano la zona e davano l’ok, agli addetti al furto che prelevano il tonno dagli scaffali, la complice che spingeva la carrozzina col neonato, e provvedeva a nascondere le scatolette. Compiuta la razzia i malviventi scappavano in auto. Non si sono però assicurati l’impunità in quanto i militari della stazione di San Polo d’Enza dopo aver visionate le immagini che testimoniano le razzie sono riusciti a identificarli e denunciarli grazie ai riscontri antropometrici con foto e dati degli indagati censiti in banca dati.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.