Archivi

Donna incinta con perdite: odissea da Villa Minozzo a Reggio
Delmonte accusa: “Senza punto nascite si rischia sempre la tragedia”

19/3/2019 – A poche settimane dagli ultimi due casi nel modenese e di quello nel bolognese, un nuovo intervento dell’elisoccorso notturno 118 si è reso necessario, questa volta nel nostro Appennino, per garantire la sicurezza di una donna incinta.

“Quanto accaduto nella notte tra domenica e lunedì, nonostante fortunatamente sia andato tutto bene (la donna, ricoverata a Reggio ancora in attesa di parto, e il nascituro stanno bene) è gravissimo. Ci rendiamo conto dei rischi che corrono le donne “in dolce attesa” del nostro Appennino? Ormai è acclarato: sino a che non verrà riaperto il Punto nascite di Castelnovo Monti, rischiamo sempre la tragedia, visto e considerato il recente e significativo aumento del numero degli interventi dell’elisoccorso” attacca il consigliere regionale della Lega, Gabriele Delmonte.

Domenica sera una donna alla trentatreesima settimana di gravidanza, residente a Villa Minozzo e nota ai servizi di Castelnovo, in quanto censita tra le gravidanze del distretto montano, si stava recando in auto col marito all’ospedale di Reggio per delle contrazioni, quando, in itinere, ha perso liquido amniotico.

“E’ assurdo, demagogico e quanto mai distante dalla realtà il modello sanitario della Giunta Bonaccini, che si fa bella delle numerose piazzole destinate all’atterraggio degli elicotteri destinati all’elisoccorso, e non si cura della chiusura dei presidi medici nei centri del nostro Appennino. Perché, lo ribadiamo per l’ennesima volta, il governatore della Regione Emilia-Romagna, anziché fare lo scaricabarile sul governo nazionale, non segue la linea tracciata dal Governatore della vicina Toscana, Enrico Rossi, il quale ha chiesto alla Commissione nazionale percorso nascite, la revisione del parere che aveva portato alla chiusura di alcuni Punti nascite della sua regione? Una cosa è certa – conclude Delmonte -: il nostro sistema sanitario, dietro ad una facciata di inutile eccellenza, nasconde criticità sostanziali gravissime”.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *