Web-truffe: dopo i bimby, gli abbattitori di temperatura. Raggirata ristoratrice di Castellarano

6/9/2015 – Dopo i  robot da cucina bimby, ecco la truffa degli abbattitori di temperatura: attrezzatura  indispensabile nelle cucine dei ristoranti, anzi obbligatoria da tempo in base alle normative europee. 
Il web, dove ormai si vende e si compra tutto, è infestato da ogni sorta di  malintenzionati che confidano da un lato nelle difficoltà oggettive di essere rintracciati, e dall’altro nelle lentezze della giustizia italiana: contano insomma di farla franca,  e per questo continuano a prosperare con le cybertruffe infischiandosene di cumuli di denunce.
 
Comunque è stato rintracciato, grazie alle indagini telematiche dei Carabinieri di Castellarano,  il quarantenne romano che ha raggirato una ristoratrice del reggiano. La donna aveva comprato un abbattitore di temperatura messo in vendita dal truffatore su un sito specializzato: dopo aver concluso le trattative e aver versato il corrispettivo di poco meno di mille euro su una carta prepagata, alla donna non è restato che chiedere aiuto ai Carabinieri perchè l’apparecchio non è mai arrivato e il venditore si è dato uccel dei bosco. 
I militari sono saliti al romano attraverso indirizzo Ip del computer e il numero della carta prepagata, Così nei suoi confronti è scattata la denuncia penale per truffa alla Procura di Reggio Emilia. La ristoratrice potrà ottenere il risarcimento a conclusione del processo penale. 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.