Palazzina rimessa a nuovo: tre anni dopo il sisma, tredici famiglie di Reggiolo sono rientrate nelle loro case

8/9/2015 – Per 13 famiglie terremotate di Reggiolo l’8 settembre non sarà più l’anniversario del disastro della Patria, ma il fausto giorno di un nuovo inizio. A distanza di più di tre anni del sisma del 2012 – ma in compenso dopo solo quattro mesi di lavori – oggi è stato il giorno del ritorno a casa.

Nella serata di ieri è avvenuto il taglio del nastro di una palazzina di via Pasubio, nel centro storico di Reggiolo,  danneggiata dal sisma e finalmente rimessa a posto dopo tante tribolazioni. Tredici famiglie reggiolesi sono rientrate nelle loro case di via Pasubio. Gli interventi sono stati  eseguiti dall’impresa edile Emmevi sotto la guida degli ingegneri Maurizio e Davide Trizzino: hanno riguardato il consolidamento della struttura e anche il risanamento di un tetto dall’amianto per un importo complessivo di 350mila euro dalla Regione.

Questo – spiega l’ingegner Maurizio Trizzino – è il secondo condominio abbiamo consegnato quest’anno a Reggiolo. Ai civici 10 e 12 di via Pasubio sono stati eseguiti interventi di riparazione, rifacimento delle facciate e rafforzamento resi necessari dopo il terremoto del 2012. Per il miglioramento antisismico sono state realizzate cerchiature con fibre di carbonio (FRT). Grazie al contributo regionale è stato anche possibile intervenire sulla copertura per risanare l’edificio dall’amianto e migliorare l’isolamento termico della struttura”.

All’appuntamento, oltre ai tecnici e ai condòmini, era presente anche il vicesindaco Franco Albinelli: “È davvero una grande soddisfazione – commenta Albinelli – vedere rientrare a casa tutte queste famiglie. Per la durata dei lavori i condòmini hanno potuto contare sul Contributo di autonoma sistemazione (Cas). Continuiamo a lavorare per ricostruire Reggiolo, per riconsegnare alla comunità le loro case, magari anche più belle e sicure. Si tratta di un impegno importante per l’Amministrazione che da tempo vuole condividere con i cittadini il percorso della ricostruzione. In questa impresa abbiamo al nostro fianco professionisti e il fondamentale appoggio della Regione”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.