Chi ha smontato la passerella ciclabile del Campovolo? La Lega Nord sferra un altro attacco a FestaReggio

Passerella

1/9/2015 – Chi ha smontato la passerella ciclabile che passa vicino all’arena di FestaReggio? E’ stato il Comune o qualche abusivo? Il capogruppo della Lega Nord Gianluca Vinci ha indirizzato un’interrogazione al sindaco di Reggio Emilia per segnalare la pericpolosità della situazione e soprattutto per saperne di più.

Il Carroccio si guarda bene dal dirlo – per non passare da persecutore dopo la polemica sui profughi mandati a lavorare gratis al Campovolo, che ha messo in imbarazzo il Pd a livello nazionale – ma teme che vi sia lo zampino di Festa Reggio. Ma non è il caso di fasciarsi la testa: la risposta arriverà in consiglio comunale. Altrimenti, promette Vinci, anche in questo caso procederemo con una denuncia perchè siano individuati i colpevoli.

La passerella ciclabile del campovolo: è sparito il pavimento

La passerella ciclabile del campovolo: è sparito il pavimento

“Reggio Emilia è da molti soprannominata “la città delle piste ciclabili”, il Comune è tutt’oggi propenso a realizzarne di nuove ma dovrebbe interessarsi anche alla loro effettiva fruibilità ed alla loro sicurezza scrive l’avvocato Vinci – Alcuni cittadini hanno segnalato alla Lega Nord una curiosa e pericolosa circostanza: lo smontaggio della pavimentazione della passerella su un canale di bonifica all’altezza del Campovolo. Per meglio capire quale sia la zona, è nel tratto di pista ciclabile tra Gavassa e Reggio, a poche decine di metri dalla fine di via Caduti delle Reggiane, che passa vicino all’Arena dove in questi giorni si svolge FestaReggio.

La passatoia è tutt’ora esistente, ma è rimasta solo la struttura metallica e non vi sono cartelli che segnalano lavori in corso né macchinari che lo testimoniano, la struttura sembra perfettamente integra ma manca il pavimento ed è quindi inutilizzabile”.

“A impedire il transito – spiega- è stata posta su un lato una rete metallica ricoperta da un’altra di plastica rossa da cantiere, sulla quale è appeso un cartello di Senso Unico in uscita, anziché peraltro un Divieto di Transito, mentre dall’altro lato della ponte vi sono giusto due transenne di plastica rossa.

Tale situazione di fatto, oltre che inspiegabile, non essendovi cartellonistica indicante lavori in corso, è anche e soprattutto molto pericolosa stante la presenza di molta acqua nel canale sottostante e la possibilità, affatto remota, che qualche ragazzo provi, scavalcando la rete, ad utilizzare la struttura metallica per attraversare il canale pieno d’acqua al fine di assistere ad uno dei concerti che si tengono in questi giorni nell’area Arena”.

La Lega Nord, vista l’apparente inspiegabilità della chiusura di una pista ciclabile comunale e la pericolosità della situazione di fatto, nonché allibita dall’improvvisata cartellonistica, ha presentato questa mattina una interrogazione in Comune per sapere se sia a conoscenza di chi sia stato a rimuovere la pavimentazione della passerella, se sia stato autorizzato dal Comune a farlo ed in questo caso a che prezzo, o se invece la rimozione è stata abusiva ed il Comune non ne fosse a conoscenza e quindi se ha sporto denuncia o se lo farà trattandosi in questo caso di un fatto molto grave che mette in pericolo i cittadini”. passerella 2

Conclude Vinci: “Una soluzione deve essere in ogni caso trovata immediatamente stante la precaria situazione di fatto, per questo motivo, ove il Comune di Reggio non risponda comunicando la presenza di una propria autorizzazione e rassicurando sull’adeguatezza della cartellonistica utilizzata, odal contrario non agisca in tempi rapidi per mettere in sicurezza la zona, la Lega Nord, visto lo stato dei luoghi, procederà a denunciare l’assenza della pavimentazione della passerella alle autorità perché intervengano mettendo in sicurezza l’area ed individuino gli eventuali colpevoli”

Il testo dell’interrogazione

CONSIDERATO:

  • Che il Comune di Reggio Emilia ha centinaia di chilometri di piste ciclabili;
  • Che il Comune ha investito molto denaro pubblico nella realizzazione di queste infrastrutture;
  • Che le ciclabili vengono utilizzate più agevolmente con la bella stagione;
  • Che attualmente risulta smontata una passerella sul canale di bonifica all’altezza del Campovolo, a poche centinaia di metri dalla fine di via Caduti delle Reggiane, facente parte della pista ciclabile tra Gavassa e Reggio;
  • Che la struttura metallica è ancora presente ed intatta ma è smontato il pavimento della passerella;
  • Che non sono segnalati lavori in corso né si vedono operai al lavoro o mezzi;
  • Che lo stato dei luoghi, vista la presenza di acqua sembra fonte di pericolo;
  • Che la situazione è segnalata solo da un rete metallica insieme ad una di plastica rossa da cantiere ed un vecchio segnale di Senso Unico in uscita e non di Divieto di Transito;
  • Che la vicinanza con l’Arena del Campovolo potrebbe indurre qualche ragazzo a cercare di scavalcare ed attraversare usando la struttura metallica presente, con grave rischio per la sua incolumità;

Chiede di avere risposta scritta ai seguenti quesiti:

  1. E’ stato il Comune a far rimuovere la pavimentazione della passerella?

  2. Se sì per quale motivo e per quanto tempo?

  3. In caso sia stato qualche altro soggetto se il Comune lo ha autorizzato, per quale motivo e per quanto tempo?

  4. Chi ha sostenuto le spese per la rimozione e chi sosterrà quelle per il rimontaggio?

  5. Chi ha curato la segnaletica e la messa in sicurezza?

  6. Nel caso in cui la rimozione sia abusiva, se il Comune ha sporto o sporgerà querela e cosa ha intenzione di fare il Comune ed in quanto tempo?

Gianluca Vinci (LNP)

 

 

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Nadia Rispondi

    02/09/2015 alle 08:52

    Ma da quelle parti non si sta per caso svolgendo Festareggio???????? E allora……!!!??!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.