Assessore aggredito da bullo in pieno centro a Correggio: dito fratturato. Era insieme al figlio di 3 anni

21/8/2015 – Violenta aggressione in pieno centro di Correggio ai danni dell’assessore al bilancio dello comune, l’avvocato Luca Dittamo, del Pd: un minorenne già noto per le sue bravate, ha pestato Dittamo che si era permesso di rimproverarlo perchè sfrecciava in bicicletta tra i pedoni sotto i portici della cittadina.

Il fatto è accaduto martedì pomeriggio: l’assessore era con il figlioletto di appena tre anni, rimasto choccato dalla scena di violenza di cui è rimasto vittima il papà. Dittamo è finito in ospedale con un dito rotto e numerosi ematomi: la prognosi è superiore ai 30 giorni. L’aggressore ha anche minacciato di morte le persone   presenti alla scena, rimaste agghiacciate dalla sua violenza.

Il fatto ha suscitato numerose reazioni e un moto di solidarietà nei confronti dell’assessore, e soprattutto ha fatto salire a livelli di guardia la pazienza dei correggesi, che ora parlano apertamente di altri gravi episodi, di intimidazioni, prepotenze e aggressioni.

Fra i primi a esprimere la propria solidarietà è stato il consigliere di opposizione Gianluca Nicolini, coordinatore provinciale di Forza Italia: “Dittamo, prim’ancora di essere un importante esponente della giunta Malavasi, è un mio caro amico che conosco e stimo da tanti anni. L’aggressione subita nel pomeriggio di martedì alla presenza del figlio di 3 anni da parte di un giovane teppista, già noto alle forze dell’ordine, è l’immagine del degrado in cui versa da anni “il borgo felice” di Correggio – scrive Nicolini – Da anni denuncio con interpellanze e articoli sulla stampa il peggioramento della sicurezza e dell’ordine pubblico nella nostra città, in particolare nei parchi urbani e nel centro storico che appare sfregiato nei suoi monumenti da scritte e sfregi operati da gang giovanili, nella totale impotenza delle istituzioni e del Pd locale, al governo di Correggio da sempre.

Se le dinamiche di quanto accaduto martedì pomeriggio sono al vaglio e della procura dei minorenni di Bologna, in quanto l’aggressore risulta non esser ancora maggiorenne – afferma il consigliere -il dato certo è che un assessore comunale ha riportato un dito rotto e diversi ematomi alla testa, oltre a minacce di morte che sono state rivolte anche ai presenti, colpevoli di aver assistito al pestaggio”.

“Una volta ancora rivolgo a tutte le istituzioni, in particolare alle forze dell’ordine, a partire dalla Polizia Municipale, un accorato appello al fine d’impegnarsi maggiormente nell’ordine e nella sicurezza dei correggesi. Al Partito Democratico di Correggio, nel quale milita anche l’avvocato Dittamo, e al Sindaco Malavasi in particolare – aggiunge Nicolini – chiedo di aprire gli occhi sulle dinamiche in atto nella nostra città e di impegnarsi concretamente nel ristabilire i valori della convivenza, del rispetto degli altri e della proprietà privata. Un rispetto che si deve esigere mettendo da parte i buonismi tipici della sinistra ideologica che è abituata a negare anche l’evidenza dei fatti o, peggio, è pronta a giustificare la maleducazione e la violenza in nome di un fantomatico “disagio sociale” nel quale verserebbero alcuni giovani.

Difronte alla violenza e alla maleducazione c’è poco da tollerare – conclude – ma è necessario un intervento fermo e risoluto per riportare a Correggio la giusta serenità e il rispetto delle regole della civile convivenza, prima che cresca un senso diffuso di impotenza che potrebbe sfociare in logiche di giustizia personale”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.