Una gang a conduzione famigliare. Arrestati padre, madre e due figli a Cavriago per il furto di centinaia di pancali

E’ passata la vigilanza qua dentro”, “allora cosa facciamo?”, “venite è andato via”. Questi alcuni dei passaggi delle conversazioni che stanotte correvano via whatsapp: da una parte i figli di vedetta e dall’altra padre e madre che facevano man bassa di pancali in legno da un’azienda della zona industriale di Cavriago.

A scoprirlo i Carabinieri della Stazione di Sant’Ilario d’Enza che con l’accusa di concorso in furto aggravato hanno arrestato un 45enne agrigentino residente a Reggio Emilia, la convivente di 47 anni originaria della provincia di Taranto e i due figli di 20 e 24 anni. L‘origine dei fatti poco prima dell’una di questa notte quando al 112 giungeva la segnalazione della presenza di un furgone con cassone che entrava e usciva marca dalla zona industriale di Cavriago. La pattuglia dei Carabinieri di Sant’Ilario, accorsa sul posto ha appurato che per 4 o 5 volte il  furgone era entrato nella zona industriale con il cassone vuoto e ne era uscito  15 minuti dopo con il cassone pieno di pancali. Inoltre all’uscita dalla zona industriale il conducente spegneva i fari.

I militari, ricostruito il percorso hanno atteso al varco l’autocarro carico con una cinquantina di pancali appena sottratti da un’azienda della zona, dove i ladri erano entrati aprendo un varco nella rete di recinzione. A bordo il 45enne (che guidava)  e la compagna di 47 anni: entrambi hanno subito ammesso le loro responsabilità.

Poi i militari hanno recuperato altri 135 pancali asportati dalla coppia che, come documentato dai messaggi su whatsApp, si era avvalsa della collaborazione dei due figli che svolgevano la funzione di palo. Questi ultimi rintracciati dai Carabinieri hanno raggiunto i genitori in caserma. Alla luce di quanto accertato i 4 congiunti venivano dichiarati in arresto con l’accusa di concorso in furto aggravato. Gli arrestati sono ora in attesa di comparire davanti al Tribunale di Reggio Emilia.

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.