Riempiono i collant di scatolame rubato: donna arrestata e minorenne denunciata a Sant’Ilario d’Enza

24/6/2015 – Oltre alle borse stracolme di refurtiva hanno riempito anche i pantacollant indossati sotto ampie gonne. A scoprirlo i carabinieri della Stazione di sant’Ilario d’Enza che con l’accusa di concorso in furto aggravato hanno arrestato una 36enne residente a Poviglio, nella bassa reggiana,  denunciando alla Procura dei minori una  giovane complice di  17 anni.

Le due sono state prese dopo aver fatto man bassa di generi alimentari e capi d’abbigliamento, del valore di 300 euro, al supermercato Famila di Sant’Ilario d’Enza.

Ieri, martedì 23, poco prima delle 15,30 il responsabile della sicurezza del supermercato Famila di via Podgora a Sant’Ilario d’Enza ha fermato all’uscita del supermercato una donna ed una ragazzina sospettate di aver rubato. Nelle due borse in loro possesso nascondevano un considerevole numero di prodotti alimentari tra cui  vaschette di carne, scatole di tonno, mozzarelle, confezioni di parmigiano reggiano, vaschette di prosciutto crudo, salumi del tipo felino, cioccolate in tavolette, burro, ragù nonché una polo, il tutto per un valore di 150 euro. Nel corso dei controlli operati  da Carabinieri intervenuti sul posto, è saltato fuori che le donne nascondevano altra refurtiva, per un importo analogo,  nei pantacollant indossati sotto le gonne. Dal supermercato alla vicina stazione dei carabinieri di sant’Ilario d’Enza il passo è stato breve:  la 36enne veniva arrestata  mentre la minorenne è stata denunciata e affidata agli esercenti la patria potestà. Sono entrambe accusate di concorso in furto aggravato.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.