Coltello al palazzetto di Sassari: Daspo di due anni a Federico Zanni, il “tifoso” che poi ha messo le mani in faccia a Sosa

29/6/2015 – Il reggiano Federico Zanni, imprenditore di 46 anni, non potrà assistere a manifestazioni sportive in tutta Italia e nel Paesi Ue. Zanni è il “tifoso” della Grissin Bon che venerdì, nella finale scudetto basket al PalaBigi vinta da Sassari, è entrato nel parquet e ha messo le mani in faccia a Sosa, play dominicano del Banco di Sardegna, che aveva appena commesso fallo sul biancorosso Achille Polonara. La punizione però non riguarda questo inqualificabile episodio, sui cui sono incorso accertamenti della Digos di Reggio Emilia, per potrebbero portare a un ulteriore provvedimento nei confronti di Zanni.

I due anni di interdizione sono stati emessi con un Daspo dal Questore di Sassari, per la precedente bravata del reggiano nel parterre del Palaserradimigni: nell’intervallo di gara 6 delle finali play off  Zanni aveva estratto un coltello durante l’intervallo e si era messo a tagliare un pezzo di Parmigiano Reggiano. Gesto considerato provocatorio dai tifosi sardi, e per il quale il reggiano era stato subito allontanato dal palazzetto. Nei suoi confronti il questore Sassari ha anche presentato denubncia alla Procura per aver introdotto il coltello in un luogo dove si stava svolgendo una manifestazione sportiva e anche per il reato di possesso ingiustificato lama atta a offendere.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.