Cantine Aperte: da Gavioli a Nonantola degustazioni tra cimeli contadini e dello sport

29/5/2015 Gavioli Antica Cantina, azienda storica nel panorama vitivinicolo nazionale, domenica 31 maggio parteciperà a “Cantine Aperte”, evento che attira ogni anno centinaia di curiosi ed enoappassionati. gavioli 3

 Presso la cantina di Nonantola si potrà degustare e acquistare il meglio della produzione della casa vinicola, insieme a gnocco, tigelle e salumi della tradizione. Faranno da corollario il carretto dei gelati della gelateria Slurp di Modena, tanti giochi e una truccatrice per i bambini, per trascorrere una giornata in famiglia all’insegna del buon vino e dei sapori emiliani.

 “Cantine Aperte” sarà l’occasione ideale per scoprire il “Museo del Vino e della Civiltà Contadina”, un percorso espositivo di oggetti e strumenti legati al mondo agricolo ed enologico fra i più ricchi d’Italia, teso a valorizzare l’appartenenza a un territorio a cui la famiglia Giacobazzi si è sempre sentita legata e in cui tutt’ora si identifica.

 “Il progetto del museo è frutto della lungimiranza della nostra famiglia (mio padre in particolare e prima di lui mio nonno) nel preservare gli strumenti che abbiamo utilizzato nell’arco della nostra storia e collezionare manufatti e macchinari legati al lavoro nei campi, provenienti da tutta Europa.” – spiega Giovanni Giacobazzi, Presidente ed Export manager dell’azienda modenese– “La mostra ha richiesto un notevole lavoro di recupero: la maggior parte dei pezzi sono antichi, alcuni dei quali hanno oltre 350 anni. Anche la disposizione è frutto di uno studio accurato, che ripercorre l’intero ciclo della produzione vinicola”.

Il museo della civiltà contadina della cantina Gavioli di Nonantola

Il museo della civiltà contadina della cantina Gavioli di Nonantola

Sarà interessante, soprattutto per i visitatori più giovani, avere l’opportunità di poter confrontare le antiche tecniche di produzione del vino con le tecnologie avanzate della cantina contemporanea: la scelta di posizionare il museo accanto al wine shop e all’interno del complesso produttivo di Gavioli Antica Cantina esprime il desiderio di far dialogare il passato col presente, l’antico e il moderno.

 All’interno del museo trova spazio anche un’interessante collezione di cimeli sportivi che testimoniano le collaborazioni sportive storiche e ancora attuali, in particolare relative alla Formula 1 e al ciclismo degli anni d’oro. Accanto alle varie scocche delle auto guidate da alcuni piloti che hanno corso per la Ferrari, Clay Regazzoni e Niki Lauda, sono esposte la Ferrari di Formula 1 di Gilles Villeneuve e la Williams guidata da Ayrton Senna. Tra i cimeli legati al ciclismo è esposta la bicicletta di Marco Pantani insieme ad alcune delle sue maglie risalenti ai suoi primi anni nel mondo delle due ruote.

Cantina Gavioli: i cimeli dello sport

Cantina Gavioli: i cimeli dello sport

 Il “Museo del Vino e della Civiltà Contadina” è tappa del tour “Discover Ferrari & Pavarotti Land”, che per tutto il periodo dell’EXPO 2015 condurrà i partecipanti alla scoperta delle eccellenze anche enogastronomiche della terra del Cavallino Rampante. A poche settimane dall’inizio dell’iniziativa, sono molti i turisti stranieri (provenienti in particolare dal Sud America, Stati Uniti, Giappone, Nuova Zelanda e Germania) ad aver visitato la Cantina e apprezzato il Lambrusco firmato Gavioli Antica Cantina.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.