Credem: utili-boom e dividendo di 0,15 per azione. Giorgio Ferrari confermato presidente della banca

30/4/2015 – Credem l’assemblea degli azionisti riunita a Reggio Emilia  ha approvato oggi il bilancio 2014: balzo dell’utile a 151,8 milioni di euro (+31% rispetto al bilancio precedente) e dividendo di 0,15 per azione, in crescita del 25%. La cedola, con data di stacco 18 maggio 2015, sarà messa in pagamento a partire dal 20 maggio 2015 (record date 19 maggio 2015); il monte dividendi complessivo ammonta a 49,7 milioni di euro.

Giorgio Ferrari

Giorgio Ferrari

L’assemblea ha anche nominato il nuovo consiglio di amministrazione per il triennio 2015-2017 che a sua volta ha confermato Giorgio Ferrari nella carica di presidente e quali vicepresidenti Ignazio Maramotti e Lucio Igino Zanon di Valgiurata.

Il 2014 è stato un anno ricco di soddisfazioni per il nostro Gruppo”, ha dichiarato Giorgio Ferrari, Presidente Credem. “Innanzitutto siamo stati in grado, grazie alla strategia di sviluppo sano ed equilibrato messa in campo negli ultimi anni, di continuare a sostenere il tessuto economico del paese. Inoltre”, ha proseguito Ferrari, “abbiamo ricevuto un importante riconoscimento della nostra solidità dalla Banca Centrale Europea che ci ha posti ai massimi livelli del sistema. Possiamo quindi guardare al futuro con grande fiducia ed ottimismo”, ha concluso Ferrari, “poiché siamo nelle migliori condizioni per continuare a crescere e generare valore per i nostri clienti e per gli azionisti”.

 Nel 2014,i prestiti del Credem a famiglie ed imprese sono cresciuti del 7,9% a/a rispetto ad un sistema in contrazione dell’1,4% con un incremento dello stock in valore assoluto di oltre 1,5 miliardi di euro. L’aumento dei prestiti è avvenuto con costante attenzione alla qualità degli attivi ed alla solidità patrimoniale; il rapporto tra sofferenze nette ed impieghi è pari ad 1,55%. Sono in progresso anche la raccolta da clientela, +10,6% con una crescita in valore assoluto di oltre 5 miliardi di euro e, al suo interno, la raccolta gestita, +14,3%. Particolarmente positivo l’andamento delle commissioni da gestione, intermediazione e consulenza in progresso del 14,3% con un apporto di 254,1 milioni di euro.

Palazzo Spalletti Trivelli, sede centrale del Credem

Palazzo Spalletti Trivelli, sede centrale del Credem

L’utile netto consolidato è in aumento del 31% a 151,8 milioni di euro. Il Gruppo ha proseguito anche nella strategia di investimenti per la crescita e sviluppo della clientela e delle quote di mercato con 107 mila nuovi clienti. Sono state infine 245 le nuove assunzioni(1) di cui il 70,2% al di sotto dei 30 anni con una crescita dell’organico del 2,4% nel corso del 2014.

IL NUOVO CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

 L’Assemblea ha inoltre nominato con il sistema del voto di lista, il nuovo Consiglio di Amministrazione per gli esercizi 2015 – 2016 – 2017. Gli Amministratori eletti, proposti dalla lista di maggioranza presentata da Credemholding S.p.A, sono: Romano Alfieri, Enrico Corradi, Giorgio Ferrari, Giorgia Fontanesi, Ignazio Maramotti, Ugo Medici, Ernestina Morstofolini, Corrado Spaggiari, Benedetto Giovanni Maria Renda, Paola Gina Maria Schwizer, Giovanni Viani, Lucio Igino Zanon di Valgiurata.

Il Consiglio di Amministrazione di Credem, riunitosi al termine dell’Assemblea, ha

–  confermato alla carica di Presidente Giorgio Ferrari e di Vice Presidente Ignazio Maramotti e Lucio Igino Zanon di Valgiurata; accertato, sulla scorta della documentazione presentata, la sussistenza dei requisiti di indipendenza, ai sensi dell’art. 148 comma 3 del TUF e dell’art. 3 del Codice di Autodisciplina delle società quotate, in capo agli amministratori Ernestina Morstofolini, Paola Gina Maria Schwizer e Corrado Spaggiari;

– definito la composizione dei Comitati interni al Consiglio, così nominati:

Comitato Esecutivo, Enrico Corradi (Presidente), Ignazio Maramotti, Ugo Medici e Lucio Igino Zanon di Valgiurata;

Comitato Rischi di Gruppo, Paola Gina Maria Schwizer (Presidente), Giorgio Ferrari e Corrado Spaggiari;

Comitato Nomine di Gruppo, Corrado Spaggiari (Presidente), Giorgio Ferrari e Ernestina Morstofolini;

Comitato Remunerazioni di Gruppo, Paola Gina Maria Schwizer (Presidente), Giorgio Ferrari e Ernestina Morstofolini.

 

 

 

 

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.