Delirio trash coi genitali “filanti” in bella mostra: un’artista fa la maglia con un gomitolo nella patonza. Femminismo radical-choc

“L’artista femminista Casey Jenkins non sapeva che oltre due milioni di persone avrebbero sbirciato la sua vagina. L’emittente australiana SCS ha postato su You Tube il segmento-video della sua esibizione presso la galleria Darwin Visual Arts, dove l’artista ha cucito per 28 giorni – compresi quello di ciclo mestruale – srotolando la matassa uterina per fare sciarpe.

Un atto di “craftivism“, termine coniato nel 2003 dalla sociologa Betsy Greer, che si propone di trasformare lavori artigianali e tradizionali in strumento di cambiamento politico e sociale.

Tanti i curiosi e altrettanti gli sdegnati, alla vista dei genitali “filanti”. Al punto che la SCS ha dovuto proibire l’inserimento dei commenti sotto al video. «C’è un atteggiamento misogino verso la vulva e repulsione per l’audacia del mio atto. Prenderò le risposte negative e commenti infiammati per farne una nuova opera. La reazione di queste persone non fa che convalidare mio lavoro» dice la sferruzzatrice vaginale.

Il messaggio del lavorare al Vaginetto è duplice: innanzitutto sfatare i tabù sull’organo genitale femminile, mostrarlo senza vergogna e senza paura. Poi, sbeffeggiare le pressanti aspettative che la società ripone sulle donne in età di concepimento: da lì sotto non si deve per forza far uscire un figlio”.

(www.salon.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *