“Sparate a Salvini”: anche la Lega s’incazza con Tunnel e P38 Gang
Ostellari interroga Lamorgese. Risoluzione in Regione

7/5/2022 – Anche la Lega reagisce alla P38 Gang e alle sue canzone inneggianti alle Brigate Rosse e alla lotta armata, andate in scena la sera del 1° Maggio al Tunnel (circolo Arci, sia ben chiaro) di Reggio Emilia. Lo fa denunciando come i P38 con i loro testi invitino letteralmente, fra le altre piacevolezze, a sparare su Matteo Salvini. Il senatore Andrea Ostellari, presidente della Commissione giustizia a palazzo Madama, e commissario della Lega Emilia, chiede che la ministra dell’interno, Lamorgese, si presenti in aula a riferire.

Il gruppo Lega per Salvini premier, a sua volta, presenta una risoluzione all’Assemblea legislativa regionale con la quale, alla luce degli 11 mila euro di contributi pubblici ottenuti dal circolo Tunnel, chiede di introdurre come criterio di assegnazione di contributi e/o patrocinio nell’ambito dell’attività di sostegno alle realtà associative in campo sociale e culturale, “l’espresso rifiuto di qualsiasi adesione, anche indiretta, a comportamenti, propri o di terzi, inneggianti e incitanti alla violenza e all’odio sociale e politico”.

“Con la guerra alle porte dell’Europa, non possiamo tollerare l’arroganza dei nostalgici del terrorismo – dichiara il senatore Ostellari – Presenterò un’interrogazione parlamentare al ministro Lamorgese a cui chiederò di riferire in aula al Senato. I testi delle canzoni della band reggiana P38, che si è esibita in un circolo Arci di Reggio Emilia e ha in programma un tour anche nelle città di Bologna, Padova, Verona e Milano offendono al cuore la nostra democrazia. Negli attacchi alla Lega e a Matteo Salvini, sui cui invitano, tra le altre cose, a sparare, in quelli verso le Forze dell’Ordine, verso Aldo Moro, verso tutte le vittime del terrorismo. E’ inaccettabile – conclude Ostellari – che il sangue versato per la libertà degli italiani venga profanato da voci fuori dalla storia e prive di ogni dignità”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.