Quale giustizia?
Il j’accuse di Palamara e Bernini al Cubo di Parma
Con Sallusti, Jacobazzi e suor Anna Monia

2/5/2022 – Era l’ultimo re di Roma, proclamato tale su Whatsapp da un Marco Mescolini riconoscente sino alle lacrime per la nomina alla Procura di Reggio Emilia (ma sappiamo com’è mandata a finire). Luca Palamara è stato l’uomo più potente della magistratura italiana, e di conseguenza uno dei più potenti della Repubblica, il Gran Regolatore che trovava una soluzione per tutto e dal quale passava tutto: nomine, assetti, equilibri, lotte di potere, scontri e compromessi tra correnti e clan, ambizioni personali, segreti piccoli e grandi. Sino a una certa sera, sino a quella famigerata riunione notturna all’hotel Champagne tra vertici del Csm e politici, in particolare l’allora ministro Lotti e il deputato Cosimo Ferri, per decidere chi innalzare alla Procura di Roma. Gli inquirenti di Perugia infilano un trojan nel cellulare del loro potente collega, e raccolgono una quantità siderale di intercettazioni e rivelazioni.

Così, un giorno dopo l’altro, sotto i piedi di Palamara si spalancano le porte dell’inferno, e lui finisce a mangiare la polvere, reietto e massacrato dai media,e tenuto a distnza come un appestto dai vecchi amici ai quali aveva fatto tanti favori.

Sotto processo e radiato dalla magistratura, additato a vista per le strade, Palamara riesce tuttavia a compiere la sua vendetta. Pubblica due libri sotto forma di intervista insieme ad Alessandro Sallusti, già direttore del Giornale: nel 2021 Il Sistema, e poche settimane fa Lobby e Logge. Sono centinaia di migliaia di copie vendute, un successo editoriale come non si vedeva in Italia dai tempi di Harry Potter. Nel primo libro-intervista dimostra che Palamara, tutt’altro che un santo, non è però il Grande Satana della situazione, e trascina nella polvere mezza magistratura, mettendo a nudo una situazione di controllo politico da paese africano, che ha fatto strame dell’indipendenza della magistratura. Nel secondo spiega che il Sistema non riguarda solo la magistratura, ma è un’infezione che si è mangiata l’Italia.

E allora Luca Palamara, che da un anno già l’Italia e le reti televisive, sarà domani, martedì 3 maggio, al Cubo di Parma (spazio audiovisivo di via La Spezia) invitato da Giovanni Paolo Bernini per un dibattito sui temi della giustizia, i referendum e la riforma Cartabia. In sala, con Palamara e lo stesso Bernini (già protagonisti in febbraio di un faccia faccia sulla 7) ci sarà Giovanni Jacobazzi, già comandante della Polizia Municipale di Parma e oggi giornalista de Il Dubbio, e in collegamento Alessandro Sallusti, il presidente della commissione antimafia Nicola Morra e suor Anna Monia.

L’incontro sarà integralmente proposto sul sito di Radio Radicale e da TV Riformista.

Inutile dire che l’attesa è al diapason. L’incontro è aperto al pubblico, ma è bene prenotarsi al 335 6430676.

E’ il caso di ricordare che Giovanni Paolo Bernini è una vittima illustre di quel Sistema: esponente parmigiano del Popolo della Libertà, poi di Forza Italia, viene inghiottito dal tritacarne di Aemilia e perseguitato per anni dal procuratore Mescolini, per essere poi prosciolto ogni accusa. Ma intanto è rovinato sotto il profilo personale e della carriera politica. In “Storie di ordinaria ingiustizia” (2019, prefazione di Vittorio Feltri) Bernini racconta la sua storia e quella dell’avvocato Giuseppe Pagliani, esponenti del centro destra che davano noia alla sinistra, massacrati da Aemilia e da Mescolini, e accusa la magistratura di aver tenuto il Pd al riparo dal grande processo di mafia celebrato a Reggio Emilia, tanto da chiederne la revisione o almeno l’apertura di un nuovo procedimento, questa volta per portare alla sbarra proprio i rapporti tra politica, amministrazioni e ndrangheta di cui tutti sanno, ma dei quali il Sistema fa finta, dietro la sua maschera di bronzo, di non sapere niente.

(Pierluigi Ghiggini)



Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.