Parma: dodici candidati in lizza per il dopo Pizzarotti
Da Vignali a Guerra, passando per Costi, Adorni e Lavagetto

15/5/2022 – Allo scadere del termine per la presentazione delle liste per le Comunali del 12 giugno, a Parma sono 12 i candidati sindaci, e a Piacenza sei.


    Nella città ducale sulla scheda non ci sarà il Movimento 5 Stelle, come deciso dal movimento a livello nazionale. La quasi totalità degli attivisti è infatti passata armi e bagagli con il sindaco Federico Pizzarotti che vinse 10 anni fa da pentastellato e poi – dopo un epico scontro con Grillo – da candidato civico, ha conquistato il bis nel 2017.

Parma, la sala del Consiglio comunale

L’ operazione, preparata da tempo con la regia di Stefano Bonaccini, punta a riportare i dem alla guida del comune di Maria Luigia: dopo due mandati consecutivi Pizzarotti non è rieleggibile, quindi è sceso in campo il suo delfino, l’assessore alla Cultura Michele Guerra, sostenuto anche dal Pd (che candida in lista il rugbista Mbandà) e da altre parti centrosinistra.


   A centro destra è in campo l’ex sindaco Pietro Vignali sostenuto da Forza Italia e Lega. Fratelli d’Italia invece schiera Priamo Bocchi.

Civiltà Parmigiana, sigla storica della politica cittadina che portò all’elezione di Ubaldi, poi di Vignali in alleanza con il centrodestra, un proprio candidato, Dario Costi, sostenuto anche da Azione di Carlo Calenda. C’è anche il movimento 3V, che candida Luca Galardi.

Gli altri candidati sono Marco Adorni – L’Altra Parma; Andrea Bui – Potere al Popolo – Rifondazione e Pci; Michela Canova – Parma Democratica; Giampaolo Lavagetto – Per Parma 2032; Enrico Ottolini – Europa Verde; Roberta Roberti – Parma città pubblica; Gaetano Vilnò – Noi siamo davvero.
    A Piacenza il centrodestra sarà rappresentato dal primo cittadino uscente Patrizia Barbieri, appoggiata da Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia-Udc-Toti e la civica che presenta al suo interno anche il gruppo ‘Liberi’ di Massimo Trespidi, che nel 2017 corse contro Barbieri. La sindaca perde il gruppo dei Liberali Piacentini, che avranno come candidato l’avvocato Corrado Sforza Fogliani. Il centrosinistra candida la consigliera regionale Katia Tarasconi, sostenuta da Pd, Piacenza Coraggiosa, Italia Viva, Azione, Piacenza Oltre e Pensionati Piacentini. La sinistra mette in lizza l’ex assessore Stefano Cugini (uscito dal Pd recentemente), sostenuto da M5s, Piacenza in Comune, Sinistra Italiana, +Europa, Europa Verde. Completano la rosa la civica ‘Piacenza rinasce’, nata delle proteste contro il Green Pass da parte di esercenti, cittadini e imprenditore (candida il medico Maurizio Botti) e la lista del ‘Movimento 3 V’ (candidata sindaca Samanta Favari).

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.