La Reggiana umiliata al Mapei
butta alle ortiche il sogno della B

DI PAOLO COMASTRI

Paolo Comastri

Vergognosa, e non di meno davvero umiliante, eliminazione dai play off della Reggiana che dopo avere perso a Salò gara uno si squaglia come neve al sole primaverile nella gara di ritorno tra le mura amiche ( !!?? ) del Città del Tricolore / Mapei Stadium.

Bastava “ semplicemente “ portare a casa il risultato che questo avrebbe sancito il pareggio in classifica delle due formazioni, ma con la Reggiana promossa alla fase successiva per la regola dei play off che in caso di parità prevale la squadra che ha terminato il campionato con la migliore posizione…..

Sommessamente facciamo notare che il Feralpi Salò ha chiuso la regular season con 69 punti, contro gli 86 dei granata; se la matematica non è un’opinione significano 17 bei punticini….; senza nulla togliere alla formazione di patron Pasin e mister Vecchi, ma niente a che vedere con l’armata di mister Diana.

E invece siamo qui a raccontare di un 1 – 2 che fa davvero male; dopo la scialba e per certi versi incredibile sconfitta in riva al lago di Garda, un primo tempo di totale abulia, come se la Regia degli 86 punti, dei 70 goal segnati, della leadership in campionato con 7 punti di distacco, almeno fino a due mesi dal termine della regular season, dal Modena, fosse solo uno sbiadito ricordo dal tempo…

Peggio di così davvero non poteva finire anche perchè, o non solo, questa davvero disonorevole uscita di scena non significa solo avere letteralmente buttato alle ortiche i 10 milioni di Euro investiti dalla società, in primis il patron Romano Amadei e i presidente Carmelo Salerno, per salire in serie B, ma ha pure reso il futuro granata quanto mai incerto e nebuloso.

Per non parlare poi della squadra e di mister Aimo Diana la cui permanenza a Reggio appare a questo punto ben più che improbabile.

Mah…..vedremo nei prossimi giorni.

LA PARTITA

Per quanto attiene alla partita iniziamo con il dire che la Feralpi è scesa in campo con la palese ed evidente intenzione di replicare la gara d’andata a Salò tentando di violare la rete granata già al 3’ con Di Molfetta, tentativo peraltro sventato da Venturi senza problemi.

Dopo una piccola scaramuccia in campo tra Rossi ed un avversario e la prima vera occasione da parte dell’ospite Carraro che ha colpito un palo davvero clamoroso, al 32’ è successo quello che nessun avrebbe mai immaginato durante il campionato, vale a dire due gol subiti in soli 2’.

La doppietta di Miracoli, al 34’ su rigore dopo un errore di Rossi in area che gli fa guadagnare anche un posto sul taccuino dei cattivi, e al 36’ in contropiede, ha “ bollito “ definitivamente i granata.

Inutile l’entrata in campo di Guglielmotti e Muroni, con quest’ultimo che dalla lunga distanza ha azzardato la rimonta sul finale della prima frazione di gara.

Al rientro in campo a ristabilire l’equilibrio ci ha provato Muroni con un missile parato da Liverani, ma soprattutto Cremonesi che riapre la partita con il suo sesto gol stagionale.

Ma la remuntada granata si è fermata lì.

Mister Diana le ha tentate tutte per recuperare, come ad esempio modificare al 71’  il modulo che è passato ad un 4-2-3-1, ma nulla è mutato.

La parola fine l’ha messa il direttore di gara Longo all’80’ con l’espulsione di Cremonesi, colto a strattonare un avversario, costringendo così i granata a terminare il match in 10 contro 11.

Si, davvero, peggio di così davvero non poteva finire.

IL TABELLINO

REGGIANA – FERALPISALÒ 1-2

Marcatori: Miracoli 34′ (R), Miracoli 36′, Cremonesi 48′.

REGGIANA (4-3-3)  Venturi; contessa, Rozzio, Rossi, Rosafio (Neglia al 64′), Luciani (Arrighini al 72′), Cremonesi, D’Angelo (Muroni al 39′), Zamparo (Scappini al 71′), Sciaudone (Guglielmotti al 39′), Lanini. A disposizione: Russo, Marconi, Libutti,  Del Pinto, Porcino, Cauz. Allenatore: Aimo Diana.

FERALPISALÒ (4-3-1-2) Liverani; Bergonzi, Legati, Bacchetti, Corrado, Hergheliogiu (Damonte al 77′), Carraro (Pisano all’85’), Balestrero, Di Molfetta (Guidetti al 66′), Miracoli (Spagnoli al 65′), Guerra (Siligardi al 76′). A disposizione: Porro, Salines, Farabegoli, Corradi, Castrorani, Libera, Khadim, Luppi. Allenatore: Stefano Vecchi.

Arbitro: Federico Longo di Paola. Assistenti: Giuseppe Centrone di Molfetta e Maicol Ferrari di Rovereto. Quarto ufficiale: Michele Giordano di Novara.

Note – Ammoniti: Rossi (R) 32′ pt, Cremonesi (R) 53′ st, Bacchetti (F) 54′ st, Corrado (F) 57′ st, Legati (F) 76′ st, Guglielmotti (R) 83′ st. Espulsi: Cremonesi (R) 80′ st. Angoli: 2-2 primo tempo, 9-2 secondo tempo. Recupero: 3′ primo tempo, 5′ secondo tempo. Spettatori: 8.006 tifosi granata per un incasso lordo di 113.911 euro.

Paolo Comastri

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.