Giallo di Toano: in stato di fermo moglie, figlia e genero di Pedrazzini
Accusa di omicidio. Il cadavere ritrovato in un pozzo

12/5/2022 – Indagini lampo e svolta clamorosa sulla scomparsa di Giuseppe Pedrazzini, 77 anni di Toano, il cui cadavere è stato recuperato questa mattina in un pozzo vicino all’abitazione di Cerrè Marabino, dove l’anziano viveva con la famiglia.

Su disposizione del sotituto procuratore titolare dell’inchiesta, i Carabinieri hanno sottoposto a fermo d’iniziato di delitto la moglie, la figlia e il genero della vittima “ritenuti presunti
autori dei reato di omicidio e soppressione di cadavere in concorso”.

Giuseppe Pedrazzini

La svolta, come accennato, è arrivata dopo che i Vigili del Fuoco erano riusciti a estrarre il cadavere dal pozzo. Le indagini dei carabinieri erano scattate ieri dopo l’allarme dato da amici e conoscenti: l’uomo non rispondeva al telefono, e d’altra parte in paese non lo vedevano da mesi. Gli accertamenti si sono subito indirizzati verso i famigliari conviventi, che peraltro non avevano denunciato la scomparsa di Pedrazzini.


Il luogo del ritrovamento è stato individuato ieri verso sera, grazie al fiuto del cane molecolare del nucleo cinofili carabinieri di Bologna che si è fermato con insistenza intorno al pozzo vicino all’abitazione dello scomparso. Dopo un’operazione particolarmente difficoltosa, durata ore – è stato necessario anche allargare la bocca del pozzo – il corpo è stato riportato alla luce poco dopo le 7.

Sono immediatamente seguiti ulteriori accertamenti è l’interrogatorio dei tre indiziati, che si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. I fermati ora si trovano nel carcere di via Settembrini a Reggio Emilia
L’abitazione ed i terreni circostanti sono sotto sequestro. Le indagini sul giallo di Toano continuano.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.