Ferrarini, scontro rovente
Bonterre punta all’azione di responsabilità e a estromettere la famiglia da Rivaltella

11/5/2022 – Il dossier Ferrarini è tutt’altro che concluso. In aprile il gruppo Bonterre-Gsi, con la cordata Re New Holding, ha presentato una proposta concorrente rispetto a quella di Pini-Amco, sostenuta anche dalla famiglia Ferrarini. La cordata, oltre a Gsi (Grandi Salumifici Italiani), comprende Opas e la società cuneese Happy Pig. A fronte della nuova proposta, l’adunanza dei creditori è stata rimandata dal 12 maggio al 20 ottobre.

Il complesso di Rivaltella, sede della Ferrarini

Tra i punti chiave della proposta, come riporta Milano Finanza, l’aumento di capitale da 36 milioni e il trasferimento della produzione da Rivaltella allo stabilimento Gsi in via Due Canali, a Reggio Emilia. Previsto anche un miglioramento della percentuale di rimborso dei creditori, con un pagamento per cassa di 45 milioni entro un anno dall’omologa e l’assegnazione di strumenti finanziari partecipativi fino al 2027 per altri 46 milioni.

Ma la vera novità rispetto ad altre proposte è l’azione di responsabilità contro gli amministratori e la famiglia Ferrarini, che, sempre secondo Bonterre, avrebbero creato danni per 60 milioni di euro. Si potrebbero così recuperare 32 milioni, secondo il perito incaricato da Bonterre, Marco Ziliotti. Re New Holding richiede infatti l’estromissione della famiglia e dei dirigenti collegati.

(DA ALIMENTANDO.INFO)

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. L'Eretico Rispondi

    23/05/2022 alle 21:25

    Era ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.