Delitto del Moulin Ruoge
Il crudele assassinio di Hui Zhou non vale l’ergastolo
“Delitto passionale” e seminfermità: 24 anni e 6 mesi a Boukssid

7/5/2022 – Niente ergastolo in primo grado per l’assassino della ragazza cinese Hui Zhou che aveva 25 anni e il pomeriggio dell’8 agosto 2019 fu massacrata con nove coltellate nel bar Moulin Rouge all’ex Foro Boario di Reggio Emilia, dove la giovane lavorava con i genitori.

Hui Zhou

Ieri il tribunale di Reggio Emilia ha condannato l’omicida, il marocchino Icham Boukssid, di 37 anni, a 24 anni e 6 mesi di carcere: l’accusa, rappresentata dal Pm Marco Marano, aveva contestato l’aggravante della premeditazione. Aggravante non accolta dal collegio dell’Assise, presidente Cristina Beretti, che però ha riconosciuto la crudeltà per le nove coltellate inferte alla giovane. Molti ritengono incredibile che questo femminicidio venga trattato come un delitto passionale, in quanto il magrebino sarebbe stato un innamorato non corrisposto.

La difesa – rappresentata dall’avvocato Pina Di Credico – ha annunciato che ricorrerà in Appello. Boukssid sarà recluso nella Rems, struttura prevista per i condannati affetti da disturbi mentali e che ha sostituito l’Opg, in quanto è stato ravvisato il vizio parziale dell’infermità mentale.

Risibili i risarcimenti riconosciuti alle parti civili per 9.000 euro, dei quali 7.000 al fratello della ragazza.

s

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.