Cervarezza, a fuoco bus Seta
con venti studenti: tutti illesi
Due mezzi in fiamme in poche ore
Si può continuare così?
VIDEO

14/5/2022 – Se la sono vista brutta oggi nel primo pomeriggio una ventina di studenti che tornavano da scuola su un bus Seta partito da Castelnovo Monti. Il mezzo è andato a fuoco alle 13,40 a Cervarezza, in via 1° Maggio, e si deve alla presenza di spirito del conducente se tutti ragazzi, fatti scendere rapidamente dal mezzo, sono illesi. Due squadre dei Vigili del fuoco di Castelnovo Monti sono intervenute per spegnere l’incendio all’apparato motore. Gravi i danni anche alla carrozzeria.

L’autobus Seta a fuoco a Cervarezza

Il fatto è che sedici ore ben due autobus Seta sono andati a fuoco. Ieri sera alle 20,30 un bus della linea 10 era andato in cenere in strada S.Anna a Modena. A bordo, fortunatamente, oltre l’autista non c’era nessuno. Soltanto nel modenese è il sesto autobus Seta che va a fuoco in pochi mesi.

Una incredibile sequela di incidenti su cui lancia l’ennesimo allarme il sindacato Ubs Lavoro privato, che esprime “forte preoccupazione e rammarico”, anche in considerazione del fatto che “da anni si pone al centro delle vertenze sindacali il problema della sicurezza del servizio, quindi della manutenzione degli autobus e della sostituzione con mezzi nuovi”. La situazione “dovrebbe far aprire gli occhi alle istituzioni locali, visto che hanno anche il compito di vigilare sul funzionamento dei servizi essenziali da garantire ai cittadini”.

La domanda è inevitabile: i vertici di Seta pensano che si possa continuare così? Dovrà scapparci il morto prima che si vada seriamente a fondo del problema, con provvedimenti risolutivi? E’ bene che qualcuno si svegli, e subito, altrimenti è meglio che cambi mestiere.

E la Regione, che paga l’azienda con soldi pubblici, non ha proprio niente da dire? Si attendono naturalmente indagini rapide e incisive della magistratura, a Reggio come a Modena.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Liliana Dazzi Rispondi

    14/05/2022 alle 20:48

    Sabotaggio o trascuratezza sulla manutenzione?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.