Niente Fotografia Europea per Gronsky , dissidente russo
Respinta mozione in consiglio comunale

11/4/2022 – Oggi il Consiglio comunale di Reggio Emilia ha respinto – con 10 voti favorevoli (M5S, Coalizione civica, Lega Salvini premier, Forza Italia, Alleanza civica), 18 voti contrari (Pd, Più Europa, Immagina Reggio, Reggio è) e 1 astenuto (Fratelli d’Italia) – una mozione, prima firmataria la consigliera Soragni, per permettere la partecipazione a Fotografia Europea ad artisti russi, in particolar modo a Alexander Gronsky. Oltre che da Soragni, la mozione era firmata dal capogruppo 5 Stelle Gianni Bertucci.

Gronsky era stato arrestato per aver protestato contro l’invasione dell’Ucraina e per aver definito Putin “un terrorista”. L’evento con Gronsky, ospite speciale di foteur, è stato annullato dopo l’aggressione russa all’Ucraina.

IL TESTO DELLA MOZIONE

Alexander Gronsky


Premesso che:

Il Comune di Reggio Emilia organizza ogni anno il Festival della Fotografia Europea, un’esposizione
dedicata alla fotografia contemporanea. Nato nel 2006 è promosso da Fondazione Palazzo Magnani
e Comune di Reggio Emilia

Con la seguente dichiarazione, pubblicata sulla Gazzetta di Reggio, il sindaco Luca Vecchi ha
annunciato l’annullamento della mostra “Sentieri nel Ghiaccio” che doveva essere allestita a palazzo
da Mosto con la curatela di Dimitri Ozerkov, direttore del Dipartimento di arte contemporanea del
Museo Ermitage di San Pietroburgo: “Stante la terribile guerra in atto non sussistono le condizioni
per portare a compimento questo lavoro e la mostra che era stata messa in cantiere verrà di
conseguenza annullata”. Pertanto quest’anno il Comune ha escluso la Russia e revocato l’invito al
fotografo russo Alexander Gronsky.

Gronsky, fotografo di fama internazionale, è stato arrestato a Mosca domenica scorsa per aver
protestato contro il regime russo. Rilasciato dopo 12 ore ha addirittura detto alla stampa italiana:
“Putin? È un terrorista. Capisco la rabbia di tutti”.

Non si comprende come mai nessuna posizione in merito all’esclusione di Gronsky dalla
mostra fotografica è stata assunta dalla Presidente della Commissione “diritti umani, Pari
opportunità, e Città Internazionale”.

Al contrario, si è espressa L’assessore alla Cultura del Comune di Reggio Emilia, Annalisa
Rabitti, che ha precisato su Facebook. “Fotografia Europea non è una iniziativa privata, è un
progetto che nasce e vive in una cornice pubblica. La cultura non può chiamarsi fuori dalla
responsabilità istituzionale verso le cose che accadono nel mondo in virtù di una presunta e
indiscutibile superiorità morale. La decisione di escludere la Russia dall’edizione 2022 di
Fotografia europea è stata complicata e sofferta, ma inevitabile se inquadrata in questa prospettiva.
Non sono scelte facili e siamo pronti a riprendere le relazioni tra istituzioni e le progettualità comuni
quando le armi saranno deposte”. E ancora: “In queste ore apprendiamo anche dell’arresto e della
successiva liberazione di Alexander Gronsky, uno dei fotografi che avrebbe fatto parte della
selezione. A lui e a tutti coloro che manifestano per la pace tra i popoli vanno il nostro
incondizionato supporto e la nostra riconoscenza e saremo lieti di accoglierli nelle prossime
edizioni. Purtroppo non è possibile farlo nell’attuale cornice, come d’altronde lo stesso Gronsky ha
dichiarato“.
Rilevato che:

per una Stato e una città che sono fondate sulla democrazia e sulla lotta alla discriminazione,
rendersi per primi autori di un atto discriminatorio, così come è stata la scelta del nostro
Comune nell’escludere la mostra dedicata alla Russia, (è stata valutata in modo negativo da Il
Fatto Quotidiano ed altri giornalisti e movimenti politici come dal Partito Comunista
Reggiano) è inammissibile non permettere ad artisti di origine Russa di pubblicare proprie
opere a FOTOGRAFIA EUROPEA, nel rispetto della dignità umana e dell’uguaglianza,
principi di cui bisogna essere come amministratori effettivi promotori. Dire di essere una cosa,
definirsi democratici e non discriminanti ed agire all’opposto è indice di ipocrisia.

Tutto ciò premesso e rilevato
Si impegnano il Sindaco e la Giunta
A rinnovare l’invito al fotografo russo Alexander Gronsky

Avv. Paola Soragni – Movimento 5 Stelle
Gianni Bertucci – Capogruppo
Dott. Fabrizio Aguzzoli – Coalizione civica

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.