Fratelli d’Italia castiga il filo-russo Nanetti
Incarichi revocati, lui esce dal partito: “Meloni atlantista”

13/4/2022 – Fratelli d’Italia mette in castigo il filo-russo Andrea Nanetti, militante correggese, approdato di recente al partito di Meloni dopo aver abbandonato la Lega. Non è stato espulso, bensì “degradato” con la revoca delle cariche di coordinatore territoriale e della sezione FdI di Correggio, di cui peraltro Nanetti rivendica di essere il fondatore. E lui, per tutta risposta, ribadisce la propria contrarietà alle sanzioni contro la Russia , evocando uno scenario di rappresaglie terrificanti e ricadute economiche “che strangolano le imprese e l’economia italiana”. E di conseguenza se ne va da Fratelli d’Italia, non senza accusa Giorgia Meloni di “sottomissione atlantista”.

Andrea Nanetti alla fiaccolata per i bambini di Bibbiano

“La mia degradazione è un l’avvertimento ai tanti, che la pensano come me, ma tacciono scrive Nanetti – affinché continuino a non esporre dissenso dal “pensiero unico” sempre più oppressivo e guerrafondaio”. Perchè “indipendentemente da cosa si pensi sulle cause di questa guerra e sul presidente Putin (fino a ieri idolo dei sovranisti), queste sanzioni anti russe strangolano troppe aziende e l’economia italiana, non quella russa. E neanche aiutano il popolo ucraino”.
Oltretutto – rivela Nanetti – già il 10 marzo 2022 per punizione mi fu revocato il ruolo di Responsabile provinciale del dipartimento Ambiente, appena assegnatomi. Dissero (e scrissero): “per incitamento alla disobbedienza civile” in quanto ero e sono contrario al green pass con l’esempio e partecipando a manifestazioni pubbliche, mentre FdI si oppone solo “come linea politica”: proprio così mi fu scritto nelle comunicazioni (che archiviai)”.
E conclude: “Me ne andai dalla Lega perché entrò nel “governo ammucchiata” Draghi, che progressivamente affossa l’Italia, oggi esco dalla finta opposizione.
Niente carriera politica? Rischierò qualcosa? Pazienza. Ma almeno io, dentro me stesso mi sento sereno”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.