La Reggiana si perde a Lucca
Una sconfitta che brucia, scontri tra tifosi

DI PAOLO COMASTRI

Paolo Comastri

12/3/2022 La Reggiana affonda a Lucca perdendo contro la Lucchese.

Un 1 – 0 a favore dei toscani, gol di Papini all’81’, che fa davvero male perchè al Porta Elisa della Reggiana feroce e determinata che tante soddisfazioni ha dato in questo campionato, si sono visti solo i fantasmi.

Questa seconda sconfitta, davvero più bruciante della prima subita a Gubbio per 2-1 nel recupero della 22ª giornata, complica maledettamente la corsa al primo posto in classifica e quindi alla promozione diretta; a questo punto, a meno di un, improbabile, crollo della capolista Modena, pare stagliarsi all’orizzonte l’incubo dei play off...

Per tacere di un dopo partita da dimenticare, con scontri tra tifosi lucchesi e reggiani, e sembra con feriti al pronto soccorso.

Una sconfitta figlia della stanchezza soprattutto mentale dei granata, che evidentemente non si sentono a proprio agio nel ruolo di inseguitori del Modena di Tesser; pessimo segnale.

Ma tant’è.

Vorremmo chiuderla qui, vista la delusione condita pure con una buona dose di rabbia; non potendolo fare riavvolgiamo allora il “nastro” della partita per scrivere che la Lucchese parte subito con il piede sull’acceleratore, e si rende pericolosa allo scadere del primo minuto di gioco.

La Reggiana dal canto suo parte piano faticando, e questo ha rappresentato già una pessima avvisaglia, oltremodo non confortante, a trovare il giusto ritmo in campo.

A dare una spinta ai compagni è Luciani, che mette in difficoltà i toscani al 15’ e poi difende coraggiosamente la porta granata dagli assalti dei padroni di casa.

Finiscono sul taccuino dei cattivi Gugliemotti e Zamparo che in diffida, salterà la sfida casalinga di martedì contro la Vis Pesaro; i granata hanno un sussulto durante l’unico minuto di recupero con le ghiotte le occasioni prima di Sciaudone, che servito da Cigarini ha stampato la sfera sul palo, poi di Zamparo, che non è riuscito a siglare la rete del vantaggio su sponda di Guglielmotti.

Al rientro in campo ancora tanto nervosismo, e un dominio della Lucchese che la Reggiana fatica a contenere.

Le difficoltà per i granata sono anche nella metà campo offensiva, una situazione questa davvero insolita per una squadra abitata a veleggiare al vertice della classifica.
Ad aumentare il coefficiente di difficoltà di una partita già complicata per i granata contribuiscono il cartellino giallo dato a Cigarini e l’infortunio che costringe Radrezza a uscire dal campo al 58′ con il ginocchio sinistro dolorante.

Diana, anche lui in serata no, cerca di cambiare le carte in tavola inserendo Arrighini, ed è proprio quest’ultimo a servire un pallone d’oro a Sciaudone, che colpisce ancora un legno al 70′.

La porta della Lucchese resta stregata, e all’81’ arriva la doccia fredda del gol partita segnato da Papini, primo gol tra i professionisti….., servito di tacco dal compagno Melloni.

Nel finale, decisamente nervoso e ……elettrico, anche la doppia espulsione di Minala e Luciani..

IL TABELLINO

LUCCHESE – REGGIANA 1-0

Marcatori: Papini all’81’.

LUCCHESE  Coletta; Visconti (Papini al 71′), Bachini, Nannini, Bellich, Collodel, Frigerio (Tumbarello all’88’), Ruggiero (Babbi al 70′), Baldan, Belloni (Picchi al 92′), Minala. A disposizione: Plai, Cucchietti, Gibilterra, Rodriguez, Quirini, Ubaldi, Zamchetta, Brandi. Allenatore: Guido Pagliuca.

REGGIANA  Venturi; Rozzio, Camigliano, Cigarini (rossi al 75′), Scappini (Lanini al 68′), Neglia, Luciani, Radrezza (Rosafio al 58′), Zamparo (Arrighini al 58′), Guglielmotti (Cauz al 68′), Sciaudone. A disposizione: Voltolini, Marconi, Libutti, Cremonesi, Porcino, Muroni. Allenatore: Aimo Diana.

Arbitro: Valerio Maranesi di Ciampino. Assistenti: Antonio Piedipalumbo di Torre Annunzioata e Andrea Torresan di Bassano del Grappa. Quarto ufficiale: Andrea Bordin di Bassano sul Grappa.

Paolo Comastri

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.