Dopo 77 anni ancora armi partigiane Bombe ananas e mitra ritrovati in un casolare a Canossa

31/3/2022 – A 77 anni dalla fine del secondo conflitto mondiale, continuano a riemergere gli arsenali nascosti dai partigiani e gelosamente costuditi per anni e anni dopo la guerra.

L’ultimo ritrovamento è avvenuto nel sottotetto di un casolare in disuso nel comune di Canossa, dove i carabinieri di San Polo d’Enza sono intervenuti mercoledì mattina, avvertiti dal proprietario, un reggiano di 70 anni, che ha scoperto le armi nel corso dei lavori preliminare alla ristrutturazione dell’edificio.

Il mitra M3 trovato a Canossa

Nel sottotetto risultavano esservi due bombe a mano tipo ananas di produzione americana e un mitragliatore automatico M3, armi utilizzate appunto nella seconda guerra mondiale.

La bomba ananas

Nell’immobile sono intervenuti nello stesso pomeriggio gli artificieri del comando Carabinieri di Bologna, che hanno rimosso le due bombe ananas, ormai inerti, e hanno recuperato il mitra M3 che sarà ceduto al Museo Storico degli Alpini. Da rilevare che il 10 aprile del 1945 Canossa, all’epoca Ciano d’Enza, veniva liberata dai nazi-fascisti a seguito di un combattimento che vide partecipare con successo la resistenza reggiana con la 143° Brigata Garibaldi e i partigiani delle Sap, Squadre di azione patriottica che agivano in pianura.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Non di parte Rispondi

    01/04/2022 alle 09:59

    certo..i partEggiani reggiani…

Rispondi a Non di parte Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.