Vandali No Vax contro la sede Pd
Vetro spaccato e Bonaccini deturpato con la svastica

3/2/2022 – Atto vandalico, con un vetro spaccato, sul portone della sede provinciale del Partito democratico a Reggio Emilia, firmato dalla doppia V rossa, gruppo No-Vax scoperto su Telegram dalla polizia postale. Sul
portone d’ingresso della federazione di via Gandhi, sono comparsi stamattina anche cartelli con frasi contro i vaccini,
con un fotomontaggio del presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, raffigurato con una svastica
sulla fronte.

Foto di repertorio


“Abbiamo già sporto denuncia alle autorità competenti – ha scritto sulla pagina Facebook del Pd reggiano
il segretario Massimo Gazza – Un messaggio violento, ignorante e irricevibile. I cartelli contenenti
farneticazioni anti-vaccinali e immagini ingiuriose hanno come bersagli tutti coloro che difendono la scelta del vaccino come strumento di libertà della pandemia. Davvero fuori luogo il paragone con l’Olocausto che si configura come offensivo per i milioni di vittime provocate dal nazismo. Esprimiamo ferma condanna per questo gesto e solidarietà al presidente Bonaccini”.
“I nazisti sterminavano, i vaccini proteggono, salvano vite – scrive Bonaccini sui social – Il paragone è indegno, soprattutto nei confronti di chi perse la vita nei campi di concentramento e non solo, di tutti coloro che subirono violenze e lutti indicibili a causa della follia nazista. Vergognatevi”.

A esprimere “totale solidarietà” anche Stefania Gasparini, coordinatrice della segreteria regionale per conto del Pd
dell’Emilia-Romagna. “Le minacce e le ingiurie ricevute dai No-Vax sono attacchi intollerabili e un indegno accostamento a periodi bui e tragici della storia”.

BORGONZONI (LEGA): “TOTALE SOLIDARIETÀ A BONACCINI”

3/2/2022 – “Esprimo totale solidarietà al presidente Stefano Bonaccini per gli attacchi violenti e di odio ricevuti. La pandemia non si combatte con le minacce. L’accostamento al nazismo offende, oltre che le vittime del Covid, anche quelle della Shoah. Un vile attacco da condannare, come ogni forma di violenza, senza se e senza ma”. Così Lucia Borgonzoni, sottosegretario alla Cultura e senatrice della Lega, già candidata alla presidenza dell’Emilia-Romagna.

CONDANNA E SOLIDARIETÀ DEL CARROCCIO E-R

“Ancora insulti, ancora odio: la pandemia la si combatte tutti uniti, senza schieramenti ideologici di alcun genere, ma affidandosi alla scienza”: con queste parole il capogruppo della Lega in Regione, Matteo Rancan, esprime “la più profonda condanna a nome di tutto il gruppo regionale Lega per le scritte odiose comparse questa mattina sul portone di ingresso della sede della Federazione provinciale Pd di Reggio Emilia, e la più sincera solidarietà al governatore della Regione, Stefano Bonaccini”.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. carlo baldi Rispondi

    04/02/2022 alle 09:32

    Un gruppo di imbecilli, sperando che non sia peggio, fanno riemergere ricordi tragici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.