Tre ragazzi in fuga dall’Afghanistan
nascosti per due giorni in un Tir

5/2/2022 – Tre ragazzi afghani in fuga dal nuovo regime talebano, sono arrivati nel reggiano nascosti, a insaputa del conducente, sul rimorchio di un camion partito dalla Serbia e diretto a un’azienda del comprensorio ceramico. Sono fuggiti dal cassone del camion approfittando della sosta nella zona industriale del comune di Scandiano.

Ma li hanno presi i carabinieri della tenenza di Scandiano e della stazione di Albinea che, messi sulle loro tracce dalla segnalazione di un cittadino, hanno localizzato i tre  fuggitivi lungo la via Per Scandiano, a poca distanza dal parcheggio da dove erano scappati.
I tre giovani afghani, due 19enni e uno di 18 anni, sono stati condotti in caserma e lì denunciati alla Procura reggiana con l’accusa di ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato Italiano. Al termine delle formalità di rito sono stati trasferiti in Questura per le procedure relative alla loro eventuale regolarizzazione.

E’ accaduto l’altro pomeriggio poco prima delle 13 quando, su richiesta della centrale operativa della Compagnia Carabinieri di Reggio Emilia, un equipaggio della tenenza di Scandiano unitamente a una pattuglia della stazione di Albinea, si recavano nei pressi della zona industriale del comune di Scandiano dove un autotrasportatore, quando ha aperto il portellone del rimorchio per scaricare della merce, ha sorpreso i tre ragazzi che sobito si sono dileguati. Ma, come detto, i militari li hanno rintracciati poco lontano.

Non si sa come siano arrivati in Europa, e quanti giorni sia durato il loro viaggio. E’ certo che in un parcheggio di Belgrado sono saliti nel rimorchio all’insaputa del camionista, e lì sono rimasti per due giorni sino all’arrivo nel distretto ceramco.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.