Fabbrico: affitti arretrati, l’inquilino moroso accoltella il padrone di casa

23/2/2022– L’accoltellamento a seguito di una lite per gli arretrati sugli affitti. Lesioni personali aggravate
e porto ingiustificato di oggetto atti ad offendere le accuse mosse dai militari della stazione di Fabbrico, che hanno denunciato alla magistratura un uomo di 60 anni per il reato di lesioni personali. E tutto per alcuni mesi di affitto arretrato. Questa sembrerebbe essere la causa di un acceso diverbio tra il padrone di casa e l’affittuario. I fatti sono accaduti nella bassa reggiana alla fine del mese di dicembre dello scorso anno.

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della stazione di Fabbrico, che hanno condotto le indagini, la vittima, un 40enne residente nel reggiano, proprietario di un appartamento abitato dal nucleo familiare di un 60enne, avvicinava l’inquilino intimandogli di pagare i canoni arretrati dell’affitto che doveva ancora corrispondere. Dopo questo invito chiudeva il cancello del cortile dell’abitazione, con il probabile intento di impedire all’inquilino moroso di rincasare.

A quel punto tra i due si generava una lite in conseguenza della quale l’inquilino utilizzando una lama colpiva il proprietario di casa all’altezza del collo. Quindi la richiesta da parte dei rispettivi familiari dei soccorsi che giungevano sul posto insieme ai carabinieri della stazione di Fabbrico allertati dall’operatore del 112. Dopo una prima ricostruzione dei fatti e dopo che gli stessi sanitari inviati dal 118 prestavano i dovuti soccorsi sia al ferito da arma da taglio che all’aggressore rimasti lievemente contuso a seguito della lite, i carabinieri, su indicazione dei parenti della vittima, nelle immediate vicinanze del luogo del litigio, rinvenivano una lama di coltello della lunghezza di 7,5 centimetri con tracce di sangue che veniva quindi repertata e posta a disposizione della Procura reggiana. In ospedale, i sanitari hanno emesso una prognosi di 10 giorni per il ferito.

(FONTE:ADNKRONOS)

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.