Scandiano, scampato pericolo: fuga di gas fermata, tornati a casa gli sfollati del quartiere dei Cappuccini

13/1/2021– Sono tornate tuttte nelle case, nel corso della giornata, le quasi 400 persone cosrette a passare la notte fuori dalle loro abitazioni a Scandiano, nel quartiere dei cappuccini, a causa della rottura di una conduttura principale del metano provocata da una macchina perforatrice nel corso dei lavori per la posa dei cavi in fibra ottica.

L’incidente, avvenuto nel primo pomeriggio di ieri, aveva messo a rischio ben 14 fabbricati a causa delle infiltrazioni di gas. I vigilli del fuoco, con i carabinieri e la polizia locale, hanno circoscritto una “zona rossa” dalla quale sono states ubito sfollate 80 famiglie, quasi duecento persone. Ma a restare senza luce e senza gas sono stati in 387, e in gran parte hanno passato la notte ospiti di parenti, mentre 45 sono andati in hotel. Tra loro anche 46 persone in quarantena Covid, di cui 5 ospitati nelle sede degli scout. Il comune, col sindaco Nasciuti presente sul posto, ha attivato nella palestra della scuola San Francesco il punto di accoglienza del Coc, tenuto attivo tutta la notte dalla Protezione Civile.

I tecnici di Ireti sono riusciti a rispettare i tempi, bloccando la grave perdita di gas intorno alle 20 di ieri (nonostante la complessità delle rete colpita, servita da più centraline), ma hanno lavorato sin oltre l’una di notte per mettere in sicurezza l’intera zonae riallacciare gradualmente tutte le utenze.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *