Rapina con pistola alla coop di Porta Castello: terzo colpo in pochi giorni
Allarme sindacati: “Garanzie per la sicurezza dei dipendenti”

12/1/2022Tre rapine in pochi giorni a Reggio Emilia. L’ultima, a mano armata, ieri sera alle 19  al negozio Coop di Porta Castello: un uomo travisato e armato ha fatto irruzione urlando il classico “Fermi tutti, questa è una rapina”, ha puntato una pistola contro le cassiere, si è fatto consegnare 2 mila 500 euro ed è fuggito. Sul posto sono intervenute due Volanti della Polizia. Lericerche sono scattate immediatamente, ma senza esito: evidentemente il bandito può contare su un nascondiglio sicuro.

Tre rapine, dicevamo, da inizio anno: il 3 gennaio un malvivente, probabilmente lo stesso, aveva colpito prima il negozio Caddy’s di Baragalla e solo un’ora più tardi la farmacia privata di Pieve Modolena.

Sulla nuova emergenza hanno preso posizioni oggi i sindacati del commercio Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, che danno voce all’allarme dei dipendenti degliesercizi.

“ Esprimiamo seria preoccupazione in merito agli eventi criminosi che si sono verificati recentemente in alcuni negozi cittadini – scrivono i sindacati –. Rapine che hanno riguardato il Caddy’s di Baragalla, la farmacia privata di via F.lli Cervi a Pieve e da ultimo il negozio Coop di Porta Castello”.

“Questi eventi si sono spesso verificati in momenti in cui i dipendenti erano in negozio da soli e senza alcuna forma di protezione. Per questo chiediamo che le imprese mettano in campo ogni azione utile, anche attraverso confronti che coinvolgano le Organizzazioni sindacali per verificare eventuali interventi anche sull’organizzazione del lavoro, al fine di incrementare la sicurezza delle persone che a vario titolo operano nei locali aziendali”.

Nell’esprimere vicinanza alle persone direttamente colpite dai fatti Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil invitano le imprese ad adoperarsi a garantire maggiore sicurezza negli esercizi commerciali e le Parti datoriali a farsi parte attiva in questo percorso, al fine di limitare fenomeni così gravi e sempre più frequenti”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *