Il test antigenico rapido in farmacia è già diagnosi: le nuove procedure

1/1/2022 – Un’evoluzione nel percorso di diagnosi dell’infezione da Covid 19 vede confermato il ruolo del test antigenico rapido che, se positivo, non richiede più la conferma con il tampone molecolare.

a seguito delle nuove disposizione della Regione, l’Ausl di Reggio Emilia chiarisce che “in un momento in cui la presenza del virus è elevata (alta prevalenza di casi) i test antigenici hanno una buona efficacia predittiva. Questo significa che, con elevata probabilità, un antigenico positivo rivela l’effettiva presenza del virus. Richiamando precedenti disposizioni del Ministero della Salute, la Regione Emilia Romagna recepisce e applica l’indicazione di semplificare la presa in carico dei casi di infezione da covid”.

I test rapidi possono essere eseguiti nelle farmacie convenzionate e nei laboratori/centri autorizzati; questi registrano l’esito del test sul portale SOLE regionale (inserendo i dati anagrafici ed i recapiti dei pazienti) e la segnalazione arriva automaticamente all’azienda sanitaria che può dare avvio al percorso di presa in carico e tracciamento dei contatti.

Farmacie e laboratori rilasceranno un documento che attesterà l’esecuzione del tampone antigenico e l’esito positivo, nonché una nota informativa con le indicazioni sui comportamenti da adottare e sull’isolamento da rispettare.

I cittadini riceveranno, quindi, dall’Azienda sanitaria un sms con le indicazioni per il certificato ufficiale di isolamento.

“I positivi al tampone antigenico – aggiunge l’Ausl – non dovranno più attendere dall’azienda sanitaria l’appuntamento per l’esecuzione del molecolare, ma dovranno, sin da subito, osservare l’isolamento e adottare ogni cautela per evitare la diffusione del contagio”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *