Blitz antidroga a Gattatico, sgominata rete degli spacciatori

27/1/2022 – I carabinieri di Gattatico hanno eseguito tra le province di Parma e Reggio Emilia un’ordinanza di custodia cautelare: 2 in carcere, 3 obblighi di presentazione alla P.G. complessivi 16 indagati. All’alba di questa mattina i carabinieri della stazione di Gattatico, supportati da una trentina di colleghi in forza alla Compagnia di Guastalla, collaborati da una unità cinofila della Polizia Provinciale di Reggio Emilia, all’esito di una complessa attività investigativa antidroga coordinata dalla Procura reggiana, hanno dato esecuzione a un’operazione antidroga consistente nell’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Reggio Emilia, concorde con gli esiti investigativi, nei confronti di 5 soggetti nonché’ l’esecuzione di perquisizioni domiciliari. 

Sono 16 gli indagati di cui i 5 colpiti da provvedimento cautelare per concorso in spaccio di sostanze stupefacenti e i restanti 11 per favoreggiamento personale avendo fornito ai carabinieri di Gattatico dichiarazioni tese a eludere le indagini. Due persone arrestate, tre sottoposte alla misura cautelare non custodiale dell’obbligo di presentazione alla P.G. Questi i numero della complessa e prolungata attività di indagine antidroga avviata dai carabinieri di Gattatico e coordinata dalla Procura di Reggio Emilia, che ha permesso di fare luce su una serie innumerevoli di cessioni di droga che avvenivano da alcuni anni tra le province di Reggio e Parma e che ha consentito di documentare centinaia di cessioni. 

I destinatari dei provvedimenti dell’ordinanza di custodia cautelare sono un 37enne della provincia di Parma e un 37enne della provincia di Reggio Emilia finiti in carcere, mentre un 27enne, un 31enne e un 36enne tutti della provincia di Reggio Emilia sono stati sottoposti alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria. Altre 11 persone residenti tra le province di Parma e Reggio Emilia risultano indagate nell’ambito del procedimento per il reato di favoreggiamento. I cinque colpiti da ordinanza di custodia cautelare sono tutti ritenuti presunti responsabili, a vario titolo, di concorso in spaccio continuato di sostanze stupefacenti. Nel corso delle indagini sono stati identificati decine di consumatori, clienti degli indagati, che saranno segnalati quali assuntori alla Prefettura di Reggio Emilia. L’indagine è scaturita dalla denuncia di un assuntore di cocaina, un 20enne reggiano che, dopo aver acquistato la droga, era stato vittima di un tentativo di estorsione. Gli spacciatori, infatti, pretendevano da lui il pagamento di 600 euro relativo allo stupefacente, in realtà già pagato, pertanto si era rivolto ai carabinieri. 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.