Signora di 98 anni muore d’infarto in coda al Santa Maria Nuova per il terzo vaccino

Una signora quasi centenaria è morta questa mattina per infarto, nei Poliambulatori del Santa Maria Nuova, dove si era recata per la terza dose di vaccino. L’Ausl, insieme alle condoglianze alla famiglia, si è affrettata a precisare che la donna si è sentita male ed è spirata prima di effettuare la vaccinazione.

Resta il fatto piuttosto inconcepibile che vegliardi intorno ai cento anni – e non sono pochi – siano costretti a spostarsi nel freddo e a fare la coda per la vaccinazione. Un sistema e una città davvero delle persone dovrebbe garantire le vaccinazioni a domicilio a questi ultra-anziani, anche se non affetti da patologie invalidanti

Come minimo sorge il sospetto che, se la signora di 98 anni non fosse uscita con questo freddo per la vaccinazione, probabilmente sarebbe ancora viva.

L’ARCISPEDALE IRCCS sANTA MARIA NUOVA DI REGGIO EMILIA

IL COMUNICATO DELL’AUSL

La Direzione dell’Azienda USL IRCCS di Reggio Emilia informa che una signora di 98 anni, che si è recata nella mattina di oggi 7 dicembre 2021 ai Poliambulatori dell’Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia per la terza dose di vaccinazione contro il COVID, è deceduta per arresto cardiaco subito dopo avere effettuato le pratiche di accettazione e quindi senza aver ricevuto la terza dose di vaccino.

Purtroppo, a nulla sono valsi i tentativi di soccorso e rianimazione da parte degli operatori sanitari presenti al centro vaccinale.

La signora aveva appuntamento per la terza dose di vaccino lo scorso 14 ottobre all’Ente Fiere di Reggio, ma

la prenotazione era stata annullata. Una nuova data per la vaccinazione era stata richiesta il 3 dicembre scorso ottenendo l’appuntamento per la giornata di oggi.

Alla famiglia l’Ausl sprime le più sentite condoglianze per la grave perdita.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Alessandro Raniero Davoli Rispondi

    08/12/2021 alle 15:48

    Condoglianze alla famiglia. Per quanto accaduto non ci sono parole. Questa è l’Emilia delle persone …? Nessuno si piani alti della sanità regionale ha mai pensato di inviare a casa degli ultra ottantenni un medico vaccinatore? Il generale Figliuolo, così efficiente e preciso, una idea su una diversa logistica per gli anziani …?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *