Auto elettrica, faro 5 Stelle su Silk-Faw
“Dalla Regione 4,5 milioni di fondi Ue per una fabbrica che ancora non c’è”
Interrogazione a Bruxelles dell’eurodeputata Pignedoli

Il concept progettuale Silk-Faw di Gavassa

30/12/2021 – “Abbiamo già espresso forti perplessità sul progetto Silk Faw, l’azienda cinese che verrà impiantata a Gavassa (Reggio Emilia) per produrre supercar, arruolando i migliori talenti italiani del settore automotive, con dubbi sulla provenienza dei capitali – che passerebbero anche per il paradiso fiscale delle Cayman – e per le serie conseguenze sul consumo di suolo.

Ora veniamo a sapere che la Regione Emilia-Romagna finanzierà mister Krane con 4,5 milioni di provenienza europea: soldi per una fabbrica che ancora non c’è”.

L’eurodeputata M5S Sabrina Pignedoli accende un faro sui finanziamenti regionali -che comunque arrivano da Bruxelles – e annuncia la presentazione di un’interrogazione alla Commissione Europea “per sapere se il progetto Silk Faw sia compatibile con le normative europee“.

Sabrina Pignedoli

“Silk Faw automotive group Italy per ora ha annunciato investimenti per un miliardo di euro e 1000 posti di lavoro. Intanto però prende i soldi dalla Regione – commenta l’europarlamentare reggiana dei 5 Stelle –  Tra le aziende che hanno partecipato ai bandi, Silk Faw è quella che ha ottenuto il finanziamento regionale maggiore, per un progetto che però è ancora sulla carta. Presenteremo quanto prima un’interrogazione alla Commissione europea per sapere se il progetto Silk Faw sia compatibile con le normative europee e con l’indirizzo di maggiore controllo degli investimenti cinesi voluto dalla Commissione. Questo progetto potrebbe avere dei problemi ed è bene che le istituzioni europee si pronuncino, nonostante lo slancio ottimistico della Regione Emilia-Romagna”.

Be Sociable, Share!

5 risposte a Auto elettrica, faro 5 Stelle su Silk-Faw
“Dalla Regione 4,5 milioni di fondi Ue per una fabbrica che ancora non c’è”
Interrogazione a Bruxelles dell’eurodeputata Pignedoli

  1. L'Eretico Rispondi

    30/12/2021 alle 23:00

    Operazione di natura finanziaria. Quoteranno la motor valley e il green, nulla di più. Loro non vendono auto, vendono un pacchetto al mondo dei risparmiatori. La finanza del risparmio di oggi chiede green e tecnologia. Quindi auto elettrica e il contesto dove sono nate la Ferrari e la Lamborghini.
    Così il pacchetto è pronto.
    Buon Anno!

    • L'importante e' berla, la news. Rispondi

      31/12/2021 alle 13:04

      Bene, allora Buon Anno alla fabbrica che non realizzeranno mai!

  2. giulio Rispondi

    31/12/2021 alle 13:34

    Dopo la seconda guerra si dice che si presentò in un paesino della nostra montagna un tizio che cominciò a presentare sui tavoli della trattoria di cui era ospite disegni e progetti per una linea ferroviaria che sarebbe passata dal paese. Cominciò a farsi aiutare per tracciare linee e piantare paletti di legno lunghi i campi dove sarebbe passata la ipotetica ferrovia. Ognuno lo ospitava e gli offriva pranzi; si dice anche che qualcuno abbia offerto qualcosa in più alfine di spostare qualche picchetto. Restò per un certo periodo in una nota pensione e , si dice, non pagò la pigione.
    Dopo qualche tempo nessuno più ha visto il personaggio in questione nè ovviamente alcun treno si è mai visto! Qualcuno ancora vivente del posto qualche volta osserva la valle sperando di vendere arrivare il treno promesso.

    • Poli Fausto Rispondi

      31/12/2021 alle 15:18

      Tutto pittoresco! Ma occorrono fatti non altro!

  3. Raffaella Rispondi

    03/01/2022 alle 20:00

    Dopo i trucchetti per En.Cor e per il fantomatico aeroporto di Reggio Emilia tutto fa brodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *