Silk-Faw: “A Gavassa ottomila auto/anno
Il Lions premia Katia Bassi col Primo Tricolore

19/11/2021Il Lions Club Reggio Emilia Host “Città del Tricolore”, il primo e più numeroso club Lions della provincia, ha dato ieri sera il benvenuto a Katia Bassi, managing director di Silk Faw, accompagnata dal marito Silvio Valota, nel corso di un incontro dedicato al nuovo polo automobilistico che sorgerà a Gavassa per la progettazione e la produzione di auto elettriche e ibride di alta gamma, ce he porterà in territorio reggiano investimenti per oltre 1,3 miliardi di euro entro il 2028.

Katia Bassi all’incontro Lions

Accolta dal presidente Vincenzo Aiello e sollecitata dalle domande di soci e ospiti – tra cui anche Enrico Grassi, presidente di Elettric80 e BEMA, le aziende con sede a Viano leader mondiali nel campo della progettazione e realizzazione di sistemi e soluzioni per la logistica integrata – Katia Bassi ha spiegato gli obiettivi della joint venture americana-cinese Silk Ev-Faw e le motivazioni che hanno portato a individuare Reggio Emilia quale sede ideale per lo sviluppo di un progetto tanto ambizioso.

Reggio Emilia ha offerto le condizioni migliori per realizzare un investimento green field, su 360mila metri quadrati, con una prospettiva di medio-lungo periodo. Siamo nel cuore della Motor Valley, dove si trovano le migliori competenze ed esperienze del settore, professionisti dotati di genio e creatività, supportati da un polo universitario di eccellenza nel campo delle scienze ingegneristiche: queste sono le skill necessarie per creare e realizzare le nostre auto di lusso”, ha spiegato Bassi. E ha aggiunto: “Ad oggi abbiamo già assunto 55 giovani, entro il 2022 lavoreranno con noi altre 250 persone e a pieno regime saremo circa in 1050: un’officina di talenti impegnati nella ricerca e nella progettazione per sviluppare sistemi, processi e tecnologie del futuro”.  

Un futuro molto concreto che porterà alla produzione di 6000/8000 auto l’anno “tra cui hypercar del valore di 2 milioni di euro, auto sportive di lusso dotate di intelligenza artificiale e tecnologie sofisticate in grado di interagire con la persona alla guida e i passeggeri – ha continuato Katia Bassi, raccogliendo l’approvazione della platea – ma anche auto supersport, kuv e suv il cui prezzo si aggirerà tra i 200 e i 300mila euro”.

Vincenzo Aiello consegna il Primo Tricolore a Katia Bassi

Un progetto industriale destinato a cambiare il volto di una città che sul motto “piccolo è bello” ha fondato la propria storia e la propria ricchezza, ma che oggi avverte l’esigenza di uscire dalla cornice di città di provincia – sopraffatta dall’immagine di Parma e Modena – per tentare il salto verso visioni più metropolitane, anche promuovendo un’immagine più consona a livello internazionale.

E ha sottolineato con soddisfazione Katia Bassi a conclusione del suo intervento: “Abbiamo ricevuto grande disponibilità da parte dell’amministrazione comunale; il nostro obiettivo ora è fare sistema con tutti gli attori del territorio per condividere conoscenze e competenze e realizzare una grande operazione di successo”.

La consegna del Primo Tricolore alla manager da parte del presidente Lions Club Reggio Emilia Host “Città del Tricolore” Vincenzo Aiello ha sancito l’approvazione del progetto Silk da parte dei soci e, forse, della città.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. L'Eretico Rispondi

    19/11/2021 alle 20:17

    Sperom al bein….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *