Sfregiato in un’aggressione, il giorno dopo è di nuovo a spacciare cocaina : nigeriano arrestato in stazione dalla Sqaudra Mobile

14/11/2021 – E’ uno spacciatore ben piazzato nel giro della cocaina il nigeriano A.J. di 24 anni rimasto ferito in un’aggressione avvenuta venerdì alle 18,30 in via Monsignor Tondelli, nel quadrante della stazione ferroviaria storica di Reggio Emilia. Il nigeriano era stato soccorso e curato al Santa Maria Nuova per una grossa ferita alla guancia, con prognosi di 21 giorni. Il giorno dopo era di nuovo a spacciare in zona stazione: lo hanno preso sul fatto gli agenti della Squadra Mobile, che lo hanno arrestato per traffico e detenzione di sostanze stupefacenti.

Nella giornata di ieri, gli investigatori – nell’ambito delle indagini sull’aggressione del giorno prima – hanno controllato i movimenti del nigeriano, conosciuto per i suoi precedenti di polizia, e lo hanno visto uscire di casa per raggiungere piazzale Marconi, dove lo aspettava un uomo, al quale A.J. ha consegnato qualcosa ricevendo in cambio del denaro. La classica cessione di droga.

I soldi e la droga sequestrati al nigeriano

Il cliente, seguito da alcuni agenti, è stato fermato viale Isonzo e ha consegnto spontaneamente la sostanza appena comprata dal nigeriano.

Nel frattempo, altri operatori della Mobile seguivano A.J., bloccato nell’androne della stazione ferroviaria: addosso aveva 5 involucri di cocaina e del denaro.

Nella successiva perquisizione della casa, in via Ceva, sono saltati fuori 3 mila euro in contanti e la strumentazione idonea al confezionamento delle singole dosi.

Accompagnato presso gli uffici della locale Questura, A.J., veniva tratto in arresto per traffico e detenzione di sostanze stupefacenti. L’acquirente è stato segnalato alla Prefettura come assuntore.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.