Reggio al secondo posto nella classifica Ecosistema Urbano
Vecchi: “Ora nuova alleanza antismog tra le regioni del Nord”

8/11/2021 – Trento conferma anche nel 2020, in pieno Covid, la leadership delle città più green d’Italia, seguita al secondo posto da Reggio Emilia (che risale dal quinto della classifica precedente) e da Mantova al terzo e da Cosenza al quarto posto, come emerge dalla 28ma edizione del rapporto Ecosistema urbano, realizzato da Legambiente in collaborazione con Ambiente Italia e Il Sole 24 Ore, che fotografa le performance green di 105 città capoluogo di provincia sulla base di 18 indicatori in cinque settori: ambiente, aria, acqua, mobilità, rifiuti.

Il rapporto è stato presentato oggi nel corso dell’evento “Città Italia: i cambiamenti che guidano la ripartenza”

Palermo e Catania sono in coda: in sette degli ultimi dieci posti ci sono centri del Sud, con l’eccezione di Alessandria (102) e Cosenza che risale al quarto posto. Milano è l’unica tra le grandi città metropolitane ad aver conseguito miglioramenti su quattro degli indicatori più importanti: mobilità, aria, rifiuti e auto.

Luca Vecchi

“In un contesto padano certamente non semplice – ha dichiarato il sindaco Luca Vecchi – si è deciso di agire su molteplici fronti migliorando lo standard dei servizi e innovando con coraggio laddove era possibile, grazie all’alleanza coi cittadini. Prova ne sono le performance di livello nazionale della raccolta differenziata, che con il porta a porta spinto in tutta la città hanno ampiamente superato l’80%”. Infine Vecchi lancia una proposta di ampio respiro, anche come presidente Anci Emilia-Romagna, neoeletto con voto unanime: “Sul fronte della qualità dell’aria auspichiamo che, date le dimensioni di area vasta del problema, le principali Regioni del nord Italia sappiano trovare, a prescindere dal colore politico di chi le governa, un’alleanza virtuosa che porti ad azioni condivise in grado di ottenere miglioramenti apprezzabili”.

(fonte: ansa.it)

MELATO (LEGA) LA PESNA DIVERSAMENTE: “PRIMA DI STILARE CLASSIFICHE VENITE A VEDERE LA CITTA'”

In merito alla classifica sulle città green in Italia la nostra sensazione è che chi ha stilato questa classifica si sia basato unicamente sui dati forniti dalla giunta Vecchi senza farsi un giro nella nostra bella città. Dati fuorvianti che non danno il vero senso di cosa stiamo parlando.

In primis le famose ciclopedonali, vanto di questo maggioranza che da anni sventola il numero di kilometri senza mai parlare della qualità di questi percorsi. Tema che più volte abbiamo portato in consiglio comunale vedendo ormai molti tratti in uno stato pietoso con voragini, avvallamenti, vegetazione incolta e tanti altri fattori che ne precludono l’utilizzo.

Per non parlare della piantumazione di nuovi alberi. Si è deciso di tagliare piante di decine di metri come in viale Umberto o in via Bedeschi a Rivalta per rimpiazzarli con piccoli arbusti in qualche caso. Come spesso abbiamo visto poi questi piccoli arbusti seccano durante l’anno perchè non vi è manutenzione, ma nel conteggio rimangono. Grande vanto è poi la raccolta differenziata dove, anche qua, si da un numero roboante ma non si analizza la qualità di questa raccolta visto che spesso vediamo come questa sia veramente pessima e con costi spropositati.

Fino ad arrivare all’inquinamento, una viabilità folle che blocca nel traffico migliaia di reggiani ogni giorno e che appesantisce una situazione già difficile. Invitiamo gli esecutori di questa indagine a recarsi nella nostra città per vedere di persona la reale situazione e non solo a basarsi sui numeri forniti dalla giunta Vecchi. (Matteo Melato, Capogruppo Lega Consiglio Comunale Reggio Emilia)

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.