Processo Angeli e Demoni “Esisteva, eccome se esisteva il sistema Bibbiano…”

12/11/2021 – “La condanna a 4 anni (con interdizione dai pubblici uffici per la durata di 5 anni e dalla professione per 2 anni) di Claudio Foti, presidente della onlus torinese “Hansel e Gretel”, che fu incaricata di fare la psicoterapia sui bambini di Bibbiano, e le 17 richieste di rinvio a giudizio dimostrano che la vicenda dell’inchiesta “Angeli e Demoni” sugli affidi illeciti in Val d’Enza non era propriamente un “raffreddore”, come lo aveva definito Giuliano Limonta, presidente della commissione tecnica regionale sui minori, introdotta dalla giunta Bonaccini dopo i fatti di Bibbiano, quanto un “sistema”. Così i consiglieri regionali reggiani della Lega, Gabriele Delmonte e Maura Catellani, commentano la sentenza emessa oggi dal giudice del tribunale di Reggio Emilia Dario De Luca, nell’ambito del processo legato all’inchiesta “Angeli e demoni”, iniziato il 30 ottobre di un anno fa. 

Estate 2019: il ministro Salvini a Bibbiano

“Il centrodestra rimane garantista, tuttavia nell’ambito di una tale massiccia contestazione di reati e di rinvii a giudizio non si puo’ tacere. Parlando di sistema o di caso non si strumentalizza nessuno, mentre è evidente che a strumentalizzare bambini e famiglie sia invece stato il sistema amministrativo di chi gestiva i servizi sociali e gli affidi sul territorio su cui ora, finalmente, farà luce il processo pubblico” concludono Delmonte e Catellani.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.