Perchè lo Stato non ha saputo difendere Juana Cecilia?
Ascari, portavoce M5S alla Camera, interroga la ministra Catarbia

23/11/2021 – In questi ultimi anni, a partire dal Codice rosso, sono molte le norme realizzate con l’obiettivo di contrastare la violenza di genere. Eppure, a fronte di quanto accaduto a Reggio Emilia, dove una donna di 34 anni è stata uccisa in un parco della sua città, non possiamo fare a meno di domandarci che cosa non abbia funzionato e perché lo Stato non sia stato capace di difendere una ragazza che aveva denunciato più volte il suo persecutore e presunto assassino. Ecco perché, con una interrogazione scritta, ho chiesto alla ministra della Giustizia Marta Cartabia quali iniziative intenda adottare, a partire da una eventuale attività ispettiva per svolgere le opportune verifiche sul caso”. E’ quanto affermato, in una nota, da Stefania Ascari, portavoce del Movimento 5 Stelle alla Camera. 

Juana Cecilia


“Inoltre – prosegue Ascari -, al di là dell’attualità legata al dramma che si è consumato a Reggio Emilia, sarebbe utile capire se il Ministero della Giustizia stia continuando a monitorare l’applicazione del Codice Rosso. Sappiamo quanto i dati siano essenziali per sviluppare o adeguare strategie di contrasto alla violenza di genere e ci auguriamo di poterne disporre al più presto”.

Be Sociable, Share!

2 risposte a Perchè lo Stato non ha saputo difendere Juana Cecilia?
Ascari, portavoce M5S alla Camera, interroga la ministra Catarbia

  1. Martina Rispondi

    23/11/2021 alle 22:08

    Norme che evidentemente sono state pensate per persone sane di mente e non per per chi ha pensieri deliranti fuori controllo.

  2. Minkia di mare Rispondi

    27/11/2021 alle 09:06

    Norme evidentemente concepite a misura di minkia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.