Il calvario di una giovane invalida
Uomo violento continua a perseguitare l’ex moglie: arrestato dai Carabinieri

8/11/2021 – Ha continuato a perseguitare la ex moglie, invalida al 100%, in pregio ai provvedimenti cautelari del giudice, compreso il divieto di comunicazione con lei, e per questo i carabinieri di San Polo d’Enza hanno arrestato un uomo di 30 anni in esecuzione di un provvedimento del giudice di Reggio Emilia. Lo stalker ora è ai domiciliari nella sua abitazione.

A gennaio di quest’anno il Tribunale di Reggio Emilia aveva imposto all’uomo l’allontanamento da casa, il divieto di avvicinamento e il divieto di comunicare con qualsiasi mezzo con la ex moglie: ma, come se niente fosse, ha continuato a perseguitarla con messaggi anche vocali e continue telefonate mute. Episodi denunciati e documentati dalla vittima ai carabinieri di San Polo che hanno inviato una segnalazione alla Procura, che ha sua volta ha chiesto e ottenuto dal Gip l’inasprimento della misura cautelare con gli arresti domiciliari.

L’uomo era finito nei guai lo scorso mese di gennaio in quanto, dalle risultanze investigative dei carabinieri di San Polo d’Enza,  era emerso come la donna, una reggiana di 38 anni invalida al 100%, dal 2015 era sottoposta a costanti vessazioni fisiche e morali da parte del marito che non perdeva occasione per schiaffeggiarla, afferrarla con forza al collo, stringerle la mano affetta da invalidità provocandole dolori lancinanti, gettandola a terra, puntandole al petto un grosso coltello, insultandola e pronunciando minacce come “ti faccio a pezzi e ti metto in un sacco nero che butto sull’Enza”.

Condotte violente che avevano visto la donna ricorrere più volte alle cure del pronto soccorso.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.