Cultura in lutto
Addio ad Attilio Marchesini , studioso e divulgatore, colonna dei Musei Civici
E’ morto a 71 anni. I funerali sabato alle 9 a Coviolo

12/11/2021 – La cultura reggiana è il lutto per la scomparsa di Attilio Marchesini, spirato ieri a 71 anni al Santa Maria Nuova per una malattia di quelle che non lasciano scampo, e che se l’è portato via in poche settimane.

Attilio Marchesini nella Galleria dei Marmi

Marchesini, speleologo, archeologo e studioso, già conservatoredei Civici Musei di Reggio Emilia, era molto noto a Reggio, e non solo, anche perchè negli ultimi anni si era dedicato in modo particolare ai progetti didattici dei Musei e alla divulgazione dei tesori piccoli, grandi e poco conosciuti di Reggio, compendiati nel suo ultimo volume 100+1 brevi di storia dai Musei Civici di Reggio Emilia.

Era uno dei “ragazzi” – poi diventati famosi anche a livello nazionale – che alla fine degli anni Sessanta entrarono a palazzo San Francesco con un grande direttore, il professor Giancarlo Ambrosetti.

Alla naturale affabilità, Marchesini univa una conoscenza enciclopedica grazie alla quale lasciato un’impronta in tante mostre e pubblicazioni scientifiche. Le sue “passeggiate nella storia” hanno coinvolto migliaia di reggiani.

Nel tempo aveva come adottato quella che è un’autentica gemma di Reggio Emilia, la Galleria Parmeggiani, reperto della belle epoque parigina approdato fortunosamente nella città del Tricolore quasi un secolo fa, e ora un unicum nel patrimonio museale europeo.

Nessuno come lui l’aveva studiata a fondo, e continuava a studiarla ed esaminarla reperto per reperto, raccogliendo documenti su documenti. Da tempo aveva in cantiere proprio un libro sulla Galleria Parmeggiani, che avrebbe dovuto coronare la sua carriera di ricercatore e studioso: putroppo non ha avuto tempo di compiere l’opera.

Attilio Marchesini lascia la moglie Pina Caiti, il fratello Luca e moltissimi amici che oggi lo piangono I funerali domani alle 9 con partenza dalle camere ardenti dell’ospedale Santa Maria Nuova per il cimitero di Coviolo.

IL CORDOGLIO DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

L’Amministrazione comunale di Reggio Emilia esprime cordoglio per la scomparsa di Attilio Marchesini, già conservatore presso i Civici Musei della città, persona di ampia e profonda cultura, studioso di arte e storia, in particolare quella della città e del suo territorio fino ad esserne imprescindibile punto di riferimento.

Non si possono non ricordare la sua umanità, la sua empatia, le sue doti di persona essenziale e affabile, umile e disponibile a condividere il proprio sapere con chi voleva allargare le proprie conoscenze, chiunque esso fosse.

Attilio Marchesini è stato un protagonista della vita culturale e dell’evoluzione dei Musei Civici di Reggio Emilia: ha partecipato al percorso di questa antica e fondamentale istituzione dall’inizio degli anni Settanta, quando iniziò a lavorare con il direttore Giancarlo Ambrosetti e fino ai primi passi verso il Nuovo Museo ideato da Italo Rota con la direzione e i curatori delle Collezioni museali di oggi, esperti più giovani che negli anni aveva affiancato come collega e contribuito a crescere.

In pensione dal 2009, Attilio aveva continuato a occuparsi dei Musei volontariamente, collaborando fra l’altro al percorso partecipato con la città per il rinnovo di Palazzo dei Musei e alla grande mostra “For Inspiration Only” del 2014. In questa occasione, con grande sensibilità e competenza, aveva raccolto storie di oggetti, di persone e di vita che costituirono una speciale “sezione” della mostra e che in gran parte sono confluite nella pubblicazione “101+1 brevi di cronaca dai Musei Civici”. Anche a lui dunque si deve un contributo importante nell’innovativo approccio culturale e nella riqualificazione dei Musei di Reggio Emilia.

Come ricercatore ha collaborato a numerose pubblicazioni, tra cui “Dimore storiche di Reggio Emilia”“La città dall’età romana al ventesimo secolo”, “Le arti dell’arredo urbano” e, naturalmente, la Guida alle collezioni di Palazzo dei Musei e della Galleria Parmeggiani.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.