San Polo, disco chiusa dai carabinieri
L’organizzatore si difende: documenti in regola, cartelli col divieto di ballare , e tutto all’aperto

1/10/2021Documentazione regolare e nessun controllo Green pass in quanto l’attività era all’aperto, in uno spazio in cui erano stati affissi cartelli con il divieto di ballare e dal quale era stata rimossa la pista da ballo per far posto a tavoli.

L’avvocato Libero D’Incecco, difensore del 27enne di Quattro Castella denunciato nei giorni scorsi dai carabinieri per una festa in una discoteca ritenuta abusiva nel Reggiano, contesta le accuse a carico del giovane.

I carabinieri al Parco Lido di San Polo d’Enza


    Il locale in questione, al Parco Lido di San Polo d’Enza, spiega il legale, ha “regolarmente presentato idonea Scia per la somministrazione di bevande ed alimenti con intrattenimento”.
    Quanto al mancato rispetto dei limiti imposti da normative anti-Covid, aggiunge, il locale ha “capienza pari a 3000 persone” e si trova “completamente all’aperto”, quindi “non risulta essere necessario né il controllo del Green pass per accedere al locale – non trattandosi di discoteca – né tantomeno l’indicazione di capienza”.

Inoltre, la pista da ballo era stata “opportunamente rimossa” dal suo assistito e dagli organizzatori per “installare, diversamente, una distesa composta esclusivamente da tavoli riservati ai clienti del locale”.
    Infine, “non solo nelle comunicazioni relative alla serata era stato tempestivamente sottolineato il divieto di ballare e l’obbligo della mascherina” ma “la società si era assicurata la presenza in loco di numerosi cartelli, ben visibili, riportanti ‘Divieto di ballare’“.

FONTE: ANSA.IT
   

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *