Morto sul lavoro a Borzano
Sciopero di 4 ore e presidio sotto la Prefettura
I sindacati invocano una “indignazione generale”

1/10/2021 – Fillea Cgil di Reggio Emilia, Filca Cisl Emilia Centrale e Feneal Uil Reggio Emilia con le confederazioni Cgil, Cisl e Uil reggiane, hanno proclamato per martedì 5 ottobre uno sciopero provinciale di 4 ore nel settore delle costruzioni, con presidio sotto la Prefettura di Reggio Emilia. Ciò a seguito dell’infortunio mortale che ha coinvolto il lavoratore dell’edilizia, Roberto Alessandri, deceduto il 30 settembre mentre venivano eseguiti lavori ad un fabbricato a Borzano nel comune di Albinea, ritengono sia inaccettabile l’ennesimo episodio di morte sul lavoro.

Borzano di Albinea, villa La Malandrina

I sindacati ritengono ” inaccettabile” questo ennesimo episodio di morte sul lavoro e rivendicano ancora una volta con forza come sia “’inscindibile la sicurezza dall’attività lavorativa, che deve essere un tema imperativo e vincolante”.
“Purtroppo questo episodio si aggiunge ad una lista già molto pesante di infortuni mortali verificatisi nella nostra regione e nel Paese – osservano le Federazioni sindacali in una nota -, da cui si evince la necessità di sempre maggiore attenzione e supervisione al rispetto delle norme di sicurezza, in particolare per quanto riguarda le cadute dall’alto”.
Ritengono inoltre “necessario richiamare l’attenzione pubblica a una sensibilizzazione e a un’indignazione generale di fronte a fatti di tale portata, anche con l’obiettivo di arrivare nel più breve tempo possibile ad un intervento governativo che provi a mettere un freno a tale situazione”.
Per queste ragioni Fillea Cgil di Reggio Emilia, Filca Cisl Emilia Centrale e Feneal Uil Reggio Emilia proclamano uno sciopero di 4 ore con presidio di fronte alla Prefettura nella giornata di martedì 5 ottobre. Gli stessi sindacati “chiedono che siano accertate le responsabilità di quanto accaduto; si ritiene necessario poter contare su una sempre maggiore presenza di tutti gli enti pubblici preposti al controllo e alla prevenzione al fine di prevenire gli infortuni e soprattutto garantire la protezione dei lavoratori più esposti a tali rischi, con il maggior coinvolgimento dei rappresentanti dei lavoratori della sicurezza”.
I sindacati confederali e dell’edilizia di Reggio Emilia esprimono il proprio cordoglio alla famiglia della vittima.

Articoli correlati:

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *