Brutalizza e rapina un minorenne: agli arresti ragazzo di 18 anni
Trenta giorni di prognosi alla vittima

10/10/2021 – Era in bicicletta a Castelnovo Sotto quando all’altezza di via Prato Bovino è stato aggredito da un giovane che l’ha pestato riempendolo di pugni in faccia, con morsi sullo zigomo e dita infilate negli occhi, sino a puntargli una pistola alla tempia per poi esplodere un colpo in aria a scopo intimidatorio. Brutalità senza precedent, quelle compiute a fine agosto scorso ai danni di un minorenne reggiano al solo fine di rapinargli la tessera sanitaria, la carta di credito ricaricabile e la sigaretta elettronica.

Un grave episodio di delinquenza giovanile, di quelli che purtroppo si stanno moltiplicando, al quale i carabinieri di Castelnovo Sotto – dopo la denuncia presentata dai genitori del ragazzino brutalizzato – sono arrivati a capo identificando il responsabile: è un 18enne reggiano, denunciato per i reati di lesioni personali aggravate  e rapina.

La procura reggiana, alla luce delle risultanze investigative, ha chiesto e ottenuto dal GIP del Tribunale un provvedimento cautelare restrittivo in regime di arresti domiciliari. Misura cautelare seguita ieri mattina dai Carabinieri di Castelnovo Sotto che hanno arrestato il 18enne, ristretto al termine delle formalità di rito a disposizione della Procura reggiana.

L’aggressione era avvenuta la notte del 30 agosto scorso: il ragazzino, spinto a terra, è stato colpito senza pietà con pugni sul viso ed alla testa, morsi allo zigomo, dita negli occhi, strattoni alle braccia ed al collo, sino a puntargli la pistola (probabilmente a salve) dritta alla testa. Infine,m sparato un colpo in aria spaventare la vittima, gli ha preso la sicuraetta elettronica, la card ricaricabile e il codice fiscale. nonché’ mediante l’utilizzo di una pistola (probabilmente a salve) utilizzata dapprima per puntarla alla tempia della vittima e poi per sparare un colpo in aria gli sottraeva una sigaretta elettronica, una carta di credito ricaricabile e il codice fiscale. Violenze inaudite e lesioni gravi, per le quali i giovane è stato curato in ospedale, con prognosi di un mese. Senza contare le conseguenze psicologiche, dalle quali il ragazzo non si è ancora ripreso.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.