Novellara, i consiglieri di Insieme ringraziano Carabinieri e Procura
“Ora Hisnain dica dove sono i resti di Saman”

23/9/2021 – I consiglieri comunali di Novellara Cristina Fantinati, Ivo Germani e Luca Dall’Aglio, del gruppo di oppoisizione Insieme, ringraziano i carabinieri e la Procura di reggio emilia, per l’arresto di Danish Hasnain, lo zio di Saman abbas ritenuto l’esecutore materiale e la mente dell’assassinio della ragazza pakistana. I consiglieri esprimono la speranza che una volta in Italia, Hisnain dica tutta la verità sulle sorti di Saman, e riveli dove sono i suoi resti.

Danish Hisnain

“Ringraziamo le forze dell’ordine . scrivono Fantinati, Germani e Dall’Aglioi – per l’arresto di Danish Hasnain, ritenuto dagli inquirenti l’omicida di Saman Abbas, la ragazza di origini pakistane scomparsa a Novellara di cui non si hanno più notizie dal 30 aprile scorso. Desideriamo ringraziare, in particolare, il Maresciallo Pasqualino Lufrano, Comandante della stazione dei Carabinieri di Novellara, il Tenente Colonnello Luigi Regni, Comandante della compagnia dei Carabinieri di Guastalla, il Tenente Colonnello Stefano Bove, Comandante del reparto operativo dei Carabinieri di Reggio Emilia e il Colonnello Cristiano Desideri, comandante – fino a pochi giorni fa – del comando provinciale dei Carabinieri. E’ grazie alla loro attività investigativa estesasi a livello internazionale, associata alle risultanze delle ricerche effettuate sul campo a Novellara, se si è potuti arrivare all’arresto del presunto carnefice di Saman.

Saman Abbas

Vorremmo anche estendere i nostri ringraziamenti – aggiungono . alla Procura di Reggio Emilia per questo importante risultato investigativo che potrebbe dare una svolta determinante a una vicenda che ha toccato e turbato profondamente la comunità novellarese. La nostra speranza è quella che Danish Hasnain, una volta estradato in Italia, dica tutta la verità su questa tragica vicenda, informandoci dove è stata sepolta Saman per poterle dare una degna sepoltura, oppure ci dica se la ragazza è ancora viva, soggetta a sequestro o rapimento”. 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *