Morti al Rally Appennino: nove indagati

24/9/2021 – Nove avvisi di garanzia sono stati emessi dalla Procura di Reggio Emilia per l’incidente al Rally dell’Appennino reggiano, durante il quale il 28 agosto due spettatori, Davide Rabotti, reggiano di 21 anni, e Cristian Poggioli, 35 anni, di Lama Mocogno (Modena) sono stati uccisi da una vettura in gara, uscita di strada. La tragedia era avvenuta a Riverzana: la Peugeot 209 di gubertini-Ialungo era letteralmente volata dalla coarreggiata su una collinetta dove si trovavano i due giovani.

Davide Rabotti e Cristian Poggioli

I carabinieri di San Polo d’Enza, all’esito delle indagini avevano denunciato nove persone, a vario titolo coinvolte nell’episodio e nella gestione della corsa, ipotizzando responsabilità, su cui la Procura ha concordato. Gli indagati sarebbero persone addette all’organizzazione del circuito, mentre non risulterebbero indagati i due piloti. Il pm ha anche nominato un consulente tecnico, per accertare la dinamica.

Il fascicolo è per omicidio colposo plurimo a seguito di incidente mortale durante competizione automobilistica.

La tragedia di Riverzana
Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *